Music Attitude

[Sludge Metal] Kingdom Of Sorrow – Kingdom Of Sorrow (2008)

Hear This Prayer For Her – Grieve A Lifetime – Piece It All Back Together – Led Into Demise – Demon Eyes (Demonized) – With Unspoken Words – Free The Fallen – Screaming Into The Sky – Lead The Ghosts Astray – Begging For The Truth – Buried In Black

http://www.myspace.com/kingdomofsorrow
http://www.relapse.com

Kingdom Of Sorrow, ossia sorta di supergruppo sludge – southern nato sotto l’egida della Relapse, che annovera tra i suoi membri gente del calibro di Kirk Windstein (Down, Crowbar), Steve Gibb (Down, Black Label Society) e Jamey Jasta (Hatebreed). Questo è il loro primo disco, molto pompato dalla stampa specializzata e dalla Relapse stessa: peccato sia uno dei lavori più inutili e scontati usciti nel corso di quest’anno.

Certo, visti i musicisti coinvolti nel progetto era ovvio attendersi un determinato sound, molto ben focalizzato e circoscritto. Infatti tutti gli undici pezzi che compongono l’album si muovono entro le medesime coordinate stilistiche: roccioso sludge – core a là Crowbar, con qualche suggestione sudista presa a prestito da Down e Black Label Society (meno presente l’influenza degli Hatebreed). Per il resto, non c’è un solo momento nel quale si possa riconoscere un genuino sforzo creativo da parte della band; tutto è come ci si aspettava che fosse, quasi quaranta minuti suonati con il pilota automatico e il minimo dispendio possibile di estro e fantasia. La produzione è ottima, alcune canzoni risultano persino gradevoli (“Led Into Demise” e “Hear This Prayer For Her” su tutte), ma il tiro è mille volte inferiore rispetto a quello sprigionato dai gruppi d’origine, rendendo così i Kingdom Of Sorrow una sbiadita fotocopia delle band madri.

Non vedo a chi possa interessare un’opera del genere, destinata ad essere dimenticata nel giro di pochi mesi: non ai fan di Crowbar, Down e gruppi simili, ché di musica dello stesso genere ce n’è molta in giro, e spesso anche migliore; non ai fan degli Hatebreed e del metalcore in generale, ché il platter in questione è lontano mille miglia dalle sonorità caratteristiche di quest’ultimo stile musicale. Rimane solo da notare come sia divenuta una costante della Relapse alternare grandi successi (Baroness e Genghis Tron i più recenti) a clamorosi passi falsi.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.