[Sludge/Metalcore] Hang The Bastard – Hellfire Reign (2010)



http://www.myspace.com/hangthebastardlondon
http://holyroarrecords.com/

Hang The Bastard è formazione sconosciuta ai più. Si tratta infatti di una giovanissima band inglese, formatasi nel 2007, che sino ad ora aveva pubblicato soltanto due split in formato sette pollici e un EP, “Raw Sorcery”, tutti usciti l’anno scorso. “Hellfire Reign” è il debut album.

Il nome scelto dal gruppo e il titolo del disco rappresentano un biglietto da visita piuttosto esplicito. Non abbiamo certo a che fare con gente che si perde in raffinate sperimentazioni o adora crogiolarsi in sonorità dolci e vellutate. Gli Hang The Bastard, più semplicemente, pestano come fabbri ferrai dalla prima all’ultima nota del cd, il quale fra l’altro si presenta con una copertina a mezza strada fra gli Slayer di “Reign In Blood” e i Mastodon di “Blood Mountain”. In realtà, dai primi la loro musica trae ben poco di specifico, mentre è chiaro il debito d’ispirazione che nutrono nei riguardi dei georgiani, dei quali però privilegiano gli aspetti più diretti e barbarici, la loro prima incarnazione insomma.

In estrema sintesi i dieci brani contenuti in “Hellfire Reign” possono esser descritti come un mix fra Mastodon e Raging Speedhorn, con numerose puntate nei territori dei Converge quando la componente metalcore prende il sopravvento, più qualche accenno ai Baroness nei momenti leggermente più ‘distesi’ e ‘progressivi’, piuttosto rari invero. L’impressione è comunque quella di un implacabile assalto sludge – doom virato hardcore, ossia sludgecore se preferite. Il quintetto è però bravo a inserire qualche piccola variazione, specie quando la chitarra solista si lancia in assoli e riff dal sapore sabbathiano; un diversivo in grado di rendere più interessante il loro massacro sonico.

Pur non brillando per fantasia, “Hellfire Reign” è una piacevole manata in faccia, il classico disco che, come si suol dire, ‘spacca’. Potrebbe essere molto apprezzato dai fan dei gruppi sopracitati, oltreché da chi è rimasto deluso della svolta grind degli ultimi Mistress.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.