Music Attitude

[Sludge/Stoner Metal] Black Tusk – Taste The Sin (2010)


http://www.myspace.com/blacktusk
http://www.relapse.com/

I Black Tusk sono un trio proveniente da Savannah, Georgia, che incide per Relapse e si fa disegnare le copertine dei propri album da John Baizley dei Baroness (d’altronde sono concittadini). Definiscono la loro musica ‘swamp metal’, ossia metal delle paludi. Che è un modo un po’ più ricercato e originale per descrivere un concentrato di suoni che, partendo dallo sludge, tocca quasi tutti i centri nevralgici del cosiddetto ‘post metal’ sviluppatosi negli ultimi anni: dallo stoner al postcore al southern rock all’hard rock Seventies al thrash più grezzo e sguaiato degli anni Ottanta. In breve, quel genere di sonorità che ci hanno fatto conoscere i vari Mastodon, High On Fire, gli stessi Baroness, e più recentemente Kylesa, Bison BC, Mouth Of The Architect e via elencando.

Per essere ancora più precisi, la base dello stile della band della Zanna Nera è proprio il trittico High On Fire – Mastodon – Baroness; con dei distinguo, però. Rispetto al gruppo di Baizley i Black Tusk sono molto meno progressivi e complessi, e lo stesso discorso può esser fatto riguardo al complesso di Atlanta, dal quale i Nostri mutuano solamente l’aspetto più aggressivo e sudista, tralasciando le derive psichedeliche e gli spunti neo – prog. “Taste The Sin”, infatti, preferisce l’assalto diretto e senza fronzoli, concentrando dieci pezzi in appena 34 minuti di durata. Le affinità più marcate sono, quindi, quelle che riguardano la formazione di Matt Pike: agli High On Fire i Black Tusk ‘rubano’ i tempi veloci, la potenza delle chitarre, la violenza del punk e del thrash, certo stoner ipereccitato e un piglio generale che rilegge i Motorhead in ottica moderna. Il cantato oscilla fra lo scream e un registro più roco e cavernoso, i riff, come direbbe Scaruffi, sono ‘cingolati’ e avanzano a mo di panzer, la sezione ritmica è decisa e pesante. Non ci sono particolari brani da segnalare, il disco è piuttosto omogeneo e vuole tutto e subito, i rallentamenti più propriamente sludge servono a render le canzoni ancor più torride e maciullanti di quel che sono, dando quel tocco ‘paludoso’ che la band reclama a gran voce sin dall’etichetta che si è autoimposta.

Note sature e sudate, amplificatori Marshall a manetta, riffoni spessi e corposi, southern metal imbastardito con il punk, stoner e sludge suonati a martello: questo è quello che offrono i Black Tusk. E lo fanno anche bene, peccato che l’originalità sia davvero poca e, in generale, tutte le tracce siano decisamente convenzionali e prive di tocchi personali. “Taste The Sin” è comunque un buon disco, ma come sono costretto a ripetere (troppo) spesso, in pochi ascolti esaurisce tutto il suo potenziale e corre il rischio di esser dimenticato nel giro di un mese o poco più. Fate la vostra scelta.

Stefano Masnaghetti    

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.