Sonne Adam Transformation

Colui che odia l’umanità. In ebraico dovrebbe suonare più o meno così il significato di Sonne Adam, nome scelto da una giovane band israeliana fautrice di un death metal incazzato con tutto e tutti. E, soprattutto, devoto unicamente ai vecchi maestri del genere, quelli che iniziarono ad agitarsi nella seconda metà degli anni Ottanta e conobbero affermazioni definitive agli inizi del decennio successivo. “Transformation” è così, una manata in faccia in odore di Morbid Angel, Deicide e Immolation. Growl abissale e riff pesanti e sparati senza alcuna pietà, si potrebbero riassumere così i 40 minuti del cd; con in più alcuni rallentamenti in odor di doom che rendono la proposta più varia e avvincente. Chi cerca originalità, tecnicismi esasperati oppure contaminazioni melodicore stia alla larga da questo lavoro; chi invece vuole tornare indietro di vent’anni in un giro di lettore non se lo lasci sfuggire. Perché nel loro ristretto ambito i Sonne Adam hanno scritto, sino ad ora, il miglior debut album dell’anno.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.