[Stoner Metal] Black Label Society – Shot To Hell (2006)

Concrete Jungle – Black Mass Reverends – Blacked Out World – The Last Goodbye – Give Yourself To Me – Nothing’s The Same – Hell Is High – New Religion – Sick Of It All – Faith Is Blind – Blood Is Thicker Than Water – Devil’s Dime – Lead Me To Your Door

http://www.blacklabelsociety.net
http://www.zakkwylde.com
http://www.roadrunnerrecords.it

Questo è pazzo. Chi altri lavora al ritmo impressionante di Zakk Wylde? Ormai ci sta abituando ad un album ogni anno dei suoi BLS, davvero un ritmo assurdo. I detrattori fanno notare che un periodo di pausa permetterebbe al chitarrista barbuto di organizzare meglio le idee e di poter tornare con musica più fresca ed ispirata. In effetti, andando avanti così, forse Zakk non raccoglierà mai abbastanza energie ed ispirazione per creare un vero e proprio masterpiece; però, finché la qualità rimane estremamente elevata e il nostro guitar hero riesce ogni volta a far crescere e maturare la propria proposta musicale, direi che è meglio non lamentarsi. Visti i lavori al nuovo album di Ozzy Osbourne alle porte, tra l’altro, potremmo non sentire i BLS per un po’ tempo. Con 13 canzoni in 44 minuti di durata, il nuovo Shot To Hell si presenta come il lavoro più diretto e facilmente assimilabile della band americana. Stilisticamente le canzoni si posso dividere in due gruppi: pezzi in stile heavy (tamarro) sulla falsariga del precedente Mafia (2005) e una serie di ballate che sembrano uscite dall’esperimento semiacustico Hangover Music Vol.VI (2004) e dal vecchio album solista Book Of Shadows (1996). I pezzi heavy sono, in puro stile BLS, pieni di groove e spinti dai ben noti riff ‘strozzati’ di Zakk e dalla sua voce potente. Continuando con lo stile del precedente album, si spinge sempre di più sulla melodia e sulla maturazione di Wylde come cantante che, per sua stessa ammissione, riesce finalmente a cantare e non urlare solamente come agli esordi (cosa per cui qualcuno però potrebbe provare nostalgia). Lentamente l’influenza dei Black Sabbath, dei Pantera e dello stoner si fa meno evidente che in passato, per favorire sempre di più il lato southern dell’animo di Zakk. I pezzi sono buoni, anche se a volte si va quasi sull’autoplagio: basta sentire l’inizio dell’album affidato a  ‘Concrete Jungle’ e ‘Black Mass Reverends’, davvero troppo Mafia, e ‘Faith Is Blind’ (uguale a ‘Battering Ram’ di 1919*Eternal). Le ballate sono forse migliori: in particolare ‘Nothing’s The Same’, ‘Sick Of It All’ e la finale ‘Lead Me To Your Door’, segnate da quello che è ormai lo stile inconfondibile della ‘ballata alla BLS’ e questa volta sorrette da una produzione ben più corposa. Proprio la produzione da un’impronta profonda al mood easy listening dell’album: è l’apice della perfezione raggiunta dai BLS, nitida e cristallina, con suoni pieni e caldi che vanno a favorire la batteria, la voce e le orchestrazioni. Con una mossa poi che farà urlare allo scandalo molti fans, le chitarre sono quasi in secondo piano: riff  e assoli sono meno aggressivi, ci sono meno chitarre urlanti ed effetti stoner, c’è più pianoforte con la produzione poi che toglie gran parte del suono ruvido e di carta vetrata irrinunciabile fino a qualche tempo fa. Quasi come se Zakk volesse mantenere un profilo un po’ più basso col suo strumento. Il guaio dell’album è non avere dei veri e propri pezzi capaci di imporsi come classici tra il repertorio della band; il lavoro comunque rimane un bel viaggio grazie alla breve durata delle canzoni e con l’alternarsi tra pezzi tirati e ballad a mantenere alta l’attenzione. E’ un ottimo concentrato per tre quarti d’ora di divertimento e un buon modo per conoscere in un colpo solo la band sia dal lato heavy che da quello melodico, anche se i pezzi migliori delle due categorie si trovano su altri album.

M.B.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.