Music Attitude

[Symphonic Ambient] Ulver – Shadows Of The Sun (2007)


Eos – All The Love – Like Music – Vigil – Shadows Of The Sun – Let The Children Go – Solitude (Black Sabbath Cover) – Funebre – What Happened?

www.jester-records.com/ulver
www.jester-records.com

Ennesima virata stilistica per i lupi Norvegesi: dopo gli esordi all’insegna del black metal più ferale e del folk più puro e incontaminato, dopo la svolta electro trip – hop di “Perdition City” e le raggelanti contorsioni art – rock di “Blood Inside”, adesso è il turno del loro disco più intimista e austero. Infatti in “Shadows Of The Sun” l’elettronica è ridotta al minimo, utilizzata esclusivamente per creare sfondi sonori d’impalpabile rarefazione armonica: la parte del leone la fanno le atmosfere sinfonico – crepuscolari dal chiaro sapore neoromantico, realizzate grazie alla collaborazione di un vero quartetto d’archi, al largo spazio concesso al pianoforte e a puntuali, quanto misurati, interventi di tromba.

Già da “Eos” si capisce che gli Ulver ci vogliono sorprendere di nuovo: drones appena accennati  accompagnano la lenta e cupa melodia tracciata dagli archi, per poi sfociare in vere e proprie perle di ambient cameristico quali “All The Love” e “Like Music”; uso della batteria molto, molto parco (per tutto l’album la ritmica passerà costantemente in secondo piano rispetto alla melodia, vero filo conduttore dell’opera), a discapito dei frequenti dialoghi tra il timbro etereo del piano, quello scintillante della tromba e la solenne gravità della sezione archi, mentre i sintetizzatori lacerano qua e là, quasi impercettibilmente, il tessuto sonoro. Il resto dei brani si manterrà sulla stessa falsariga, tra episodi perfettamente a fuoco (cfr. la bellissima cover dei Black Sabbath e l’alternanza tra tenebre e luce della title – track) e altri meno convincenti (in primo luogo la troppo dispersiva “What Happened?”).

Per realizzare il loro full – length più lieve e onirico gli Ulver hanno rischiato grosso: il grandissimo talento di Garm e compagni è qui sottolineato per l’ennesima volta (ma la loro bravura e sensibilità musicale non è mai stata messa in discussione). Però la dimensione quasi astratta di “Shadows Of The Sun”, il suo lambire continuamente i confini tra musica e silenzio, il sussurro ininterrotto del canto, l’immergersi in atmosfere delicate e puramente interiori rischia di rendere il tutto troppo fragile e astrale, ostico da metabolizzare anche per chi è un loro accanito fan. Certo, la bellezza che s’irradia da questi nove pezzi è rara e assolutamente sui generis: ma non si può negare che si tratti di musica d’ascoltare esclusivamente in particolari condizioni ambientali e in determinati stati d’animo (leggi: nella penombra e quando la malinconia t’invade l’anima).

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.