Music Attitude

[Symphonic Black Metal] Summoning – Oath Bound (2006)

Bauglir – Across The Streaming Tide – Midrautas Vras – Might And Glory – Belerian – Northward – Menegroth – Land Of The Dead

http://www.napalmrecords.com/promo/summoningp.html
www.napalmrecords.com

Grande ritorno per Silenius e Protector, da sempre gli unici due numi tutelari dei Summoning. Un grande ritorno principalmente per due ragioni: in primo luogo erano passati ben cinque anni dall’ultimo full – length, un silenzio interrotto solamente dal mini “Lost Tales”, peraltro contenente solo un paio di brani di vecchia composizione; non nascondo che tutto ciò mi faceva temere il peggio per il prosieguo della carriera del gruppo. Ma il motivo principale del mio gaudio è dovuto alla fattura veramente eccelsa di questo “Oath Bound”. Ero rimasto piuttosto deluso da opere eccessivamente barocche e poco a fuoco quali “Stronghold” e soprattutto “Let Mortal Heroes Sing Your Fame”: tra voci operistiche femminili, sovrabbondanza di tastiere e troppa enfasi retorica, avevo il timore che gli Austriaci avessero definitivamente smarrito la bussola; non che questi album fossero privi di attrattiva e da bocciare in toto, solamente la splendida essenzialità delle prime prove era andata perduta. Quello che riesce al nuovo platter è proprio questo, ossia il ritorno alle atmosfere e alla magia di dischi del calibro di “Minas Morgul” e “Dol Guldur”: canzoni come “Across The Streaming Tide” e la successiva “Midrautas Vras” (cantata nella lingua degli orchi!), recuperano quel “black metal fiabesco” che da sempre rappresenta l’essenza del Summoning – sound. Via tutti gli orpelli, e quel che rimane è la perfetta compenetrazione tra tastiere ambient e chitarre black, tra fondali sonori incantati e violento scream; un amalgama fonico che ha reso il duo unico nella storia del metal estremo, lontano mille miglia dalla pletora di complessi di black sinfonico, l’80% dei quali scialbi imitatori di Dimmu Borgir o Cradle Of Filth oppure di entrambi. Oltre alle tracce già menzionate, da segnalare assolutamente la conclusiva “Land Of The Dead”, probabilmente il capolavoro del disco, degno di figurare a fianco di classici quali “Over Old Hills” o “The Passing Of The Grey Company”. Si dice spesso che la musica dei Summoning sia la perfetta colonna sonora a Tolkien e al mondo mitico del “Signore degli Anelli”: sicuramente questo è vero, tanto che gli stessi musicisti non fanno mistero della loro devozione verso il grande scrittore Inglese. Ma la loro musica riesce a catturare i sensi e l’immaginazione anche di chi non ha letto una riga delle opere del succitato, e questa è la maggior prova della loro grandezza.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.