[Thrash Metal] Overkill – Immortalis (2007)


Devils in the Mist – What it Takes – Skull and Bones (ft. Randy Blythe) – Shadow of a Doubt – Hellish Pride – Walk through Fire – Head On – Charlie Get Your Gun – Hell Is – Overkill V

http://wreckingcrew.com/crew/
http://music.bodoglife.net/

Sono un devoto alla causa Wrecking Crew, ergo per quanto mi riguarda ciò che fanno DD Verni e Bobby Blitz ha un valore immenso a priori. Oggettivamente parlando invece la flessione d’ispirazione in studio verificatasi con gli ultimi lavori (“Killbox 13” e “Relixiv”) aveva lasciato alquanto deluso anche il sottoscritto. Senza allargare troppo il giro (facendo felice chi sostiene che “sono morti dopo horrorscope”, “no dopo wfo”, “no l’ultimo bello è taking over”, “… insert your minchiata here … “), “Immortalis” rimette le cose a posto e si candida a essere uno dei dischi più interessanti del post “Wfo”, vero e proprio spartiacque per chi scrive della carriera dei nostri.

L’apertura è cattivissima, opener libidinosa e seguenti episodi dal grande groove. La collaborazione di Randy Blythe (Lamb Of God), arricchisce “Skull And Bones”, per la verità forse troppo prolissa, “What It Takes” riporta a “Bloodletting”, mentre “Shadow Of A Doubt” ed “Hellish Pride” a “The Killing Kind” (e infatti sono abbastanza fiacchino entrambi). Piacevolmente Ac/Dc-iana “Walk Through Fire”, “Head On” invece ripresenta un intro di basso di Verni in apertura di un pezzo che stava bene su “Necroshine”. Si alzano i giri per il finale, affidato alle schizzate “Charlie Get Your Gun” ed “Hell Is”. Il quinto capitolo della saga Overkill invece è fuori concorso, un colpo al cuore che riprende un giro rintracciabile nelle tracce conclusive dei primi quattro dischi, inoltre sentire le distorsioni di “E.vil N.ever D.ies” e le accelerazioni del pezzo provocherà scompensi ai più nostalgici.

Insomma il disco è buono, ha qualche calo di tensione ma è sicuramente il miglior episodio dei cinque da anni a questa parte. I Nostri sono tornati dopo dei passaggi a vuoto quando pochi se l’aspettavano, ora speriamo calchino presto qualche palco in zona, luogo in cui di cali non se ne sono mai visti in una carriera quasi trentennale. Onore e gloria.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.