[Thrash Metal] Sepultura – A-lex (2009)

 

A-Lex I – Moloko Mesto – Filthy Rot – We’ve Lost You – What I Do! – A-Lex II – The Treatment – Metamorphosis – Sadistic Values – Forceful Behavior – Conform – A-Lex III – The Experiment – Strike – Enough Said – Ludwig Van – A-Lex IV – Paradox

http://www.sepultura.uol.com.br
http://www.spv.de/eng/steamhammer/default.html

“A-Lex” ci toglie quel dubbio che era sorto ai più nel 2006, anno d’uscita di “Dante XXI”: “Roorback” è stato un incidente di percorso. Questo album è un bel ritorno sulla scena del combo brasiliano, dopo un periodo ricco di concerti (ben tre le calate italiane) e tante novità, tra cui l’ingresso di Jean Dollabella come sostituto dello storico Igor Cavalera.

Questa release è il lavoro più sperimentale dai tempi di “Roots”. Rischiosa ma ben riuscita è la scelta di trasportare in musica la storia di Alex DeLarge, rappresentata su carta da Anthony Burgess e su pellicola da Stanley Kubrick: una fusione perfettamente amalgamata tra thrash, hardcore, parti industrial (l’inizio di “Filthy Rot”) e la musica classica, omaggiata nella riuscita “Ludwig Van”, il miglior pezzo di “A-Lex”. Un disco nel quale il ruolo del bravo Derrick Green, che darà sfoggio di un’inaspettata versatilità in “Sadistic values”, è marginale rispetto al passato: ampio spazio alla musica, con ben quattro tracce strumentali, che ripercorre alla perfezione il percorso della storia del personaggio che rese famoso l’attore Malcolm McDowell. La vecchia guardia Kisser-Paulo Jr, a distanza di anni (quasi venticinque…), non delude; l’ingresso di Jean Dolabella, già apprezzato dal vivo negli ultimi due anni, si dimostra azzeccato anche in studio e non ci fa rimpiangere l’abbandono dello storico Igor Cavalera.

Un disco strano, sperimentale, che necessita di molti ascolti per essere assimilato a dovere. Per il resto, la conferma che la classe dei Sepultura, anche senza i due carismatici fratelli, non manca: la strada del concept album, iniziata con “Dante XXI”, sta dando ottimi risultati e conferma che la band brasiliana, almeno sui brani inediti, riesce a vivere anche senza lo scomodo peso dei fratelli Cavalera sul groppone.

Nicola Lucchetta

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.