Music Attitude

[Viking Metal] Strydegor – Back On Ancient Traces (2009)

 

Dead Man’s Shore – The Night The Vikings Arrive – Wild Hunt Through Twelve Nights – Ragnarok – Oden’s Wrath – Ravens Over Midgard – Baldur’s Dreams – The Way To Walhall – Tears In The Storm

www.strydegor.com
http://ccpcom.window.hl-users.com/

Tamburi e corni dal sapore bellico c’introducono alla prima fatica sulla lunga distanza degli Strydegor, band tedesca totalmente imbevuta di mitologia nordica. Viking metal duro e puro, quindi, che pesca a piene mani dal death epico e massiccio degli Amon Amarth, senza ombra di dubbio il maggior punto di riferimento per i teutonici (infatti, al contrario di altri act alle prese con Odino e compari, la componente black è praticamente assente). Voce che alterna scream e growl, equilibrio fra mid e up tempo, qualche intermezzo folk per stemperare la tensione e insaporire il tutto: questo è quello che hanno da offrirci gli Strydegor.

Purtroppo non è molto: la band non riesce a svincolarsi da schemi piuttosto logori e prevedibili, risultando troppo scolastica e ancor priva di una chiara personalità per poter convincere appieno. C’è comunque del buono, soprattutto per quanto riguarda i brani centrali di “Back On Ancient Traces”: “Ragnarok” è sicuramente sin troppo simile alle composizioni di Johan Hegg e compagni, ma ha dalla sua un afflato guerriero non comune, un buon lavoro chitarristico e una pesantezza d’insieme piuttosto ragguardevole. Buona anche la più veloce “Ravens Over Midgard”, probabilmente la canzone più varia e strutturata del disco. I brani rimanenti, invece, si rassomigliano sin troppo l’un con l’altro, finendo per snervare i fan stessi di questo filone musicale. Una buona padronanza strumentale e la discreta qualità della produzione non riescono a salvare composizioni troppo anonime, che rischiano di collocare gli Strydegor fra le centinaia di gruppi che “fanno numero” e che finiscono per esser dimenticati in pochi anni.

Non si può neppure tacere il grave lutto che ha recentemente funestato questa giovane formazione: ossia la morte del chitarrista appena ventenne Slava Giebel, avvenuta in un incidente stradale il 23 maggio 2009, pochi giorni prima che uscisse “Back On Ancient Traces”. Speriamo che i suoi amici non si facciano abbattere e che perseverino nella loro passione, cercando di migliorarsi disco dopo disco.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.