Music Attitude

[Alt-Folk] Brown And The Leaves – Landscapes

[Alt-Folk] Brown And The Leaves – Landscapes (2009)

Brand New World – Erasmus – It Has Got To Be – Spinning Leaves – Don’t Make A Move – Quiet Life In A Quiet Place – Still Awake – Just Let You Know – Fragments – While The Waves – Locked In A Cage

http://www.myspace.com/brownandtheleaves
http://www.myspace.com/littleredbirdrecords

“Quando ascolterai Brown And The Leaves, figliolo, ricorda i tempi in cui tua madre guardava al New Acoustic Movement come al futuro più bello, quando ascoltava solo i Kings Of Convenience e i vecchi dischi di Nick Drake, quando si innamorava di un giro di chitarra acustica e di una voce perfettamente intonata che cantava di piccole storie quotidiane, ricordami così, mentre mi sciolgo durante un assolo di violoncello o su di una batteria leggera, suonata con le spazzole”.

Brown And The Leaves, o meglio, Mattia Del Moro, esce con un album d’esordio che molti potrebbero invidiare: suona come un album di Nick Drake di ritorno dal Brasile, dice lui, sembrano i Kings Of Convenience, dicono molti altri, e nessuno si ferma ad ascoltare davvero, in questa girandola di paragoni che è diventata la critica musicale degli ultimi anni.
Le somiglianze qui sono l’ultima cosa importante, quello che conta è che Brown canta di cose bellissime e vicine, di viaggi e preghiere per il ritorno, di biciclette in un’altra città e vite tranquille in posti tranquilli, e lo fa con la stessa spensieratezza della tromba che ci guida nella finale Locked In A Cage, con la stessa Saudade, quella sì, brasiliana, del movimento tropicalista di Caetano Veloso e Gilberto Gil.
 
Avercene, di musicisti come Matteo del Moro, che riescono a creare atmosfera, a regalarti con poche note (la magia scatta già dopo il primo minuto di “Brand New World”) tutto un mondo in cui immergerti, ad evocare situazioni con due accordi e due parole, come nella bellissima Don’t Make A Move.
 Chiaro che i riferimenti al New Acoustic Movement, come anche al lato più intimista del folk anni settanta, sono lì ben schierati, visibili a tutti, ma, che dire, sono un bellissimo punto di partenza e  non sono certo l’unico pregio di questo album, che spicca anche in quanto prima prova di un artista che potrà veramente fare grandi cose, se incoraggiato a dovere e lasciato libero dalle gabbie dei riferimenti.

Francesca Stella Riva

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.