Music Attitude

[Alternative Rock] Navel – Frozen Souls (2009)

 

  

Frozen Souls – Lovetrap – Keep Me Dry – Somehow – So Much Left To Say – Is It You – For A While – Blue World – Out Of My Way – Dressed In Satin – Vomiting – No Name No. 12 – No Harm

http://www.myspace.com/navelofswitzerland
www.louisville-records.de

In un certo senso, il trio svizzero dei Navel è piuttosto inquietante. Non solo la musica che suona si ispira smaccatamente a quanto fatto dai Nirvana, ma anche il look stesso paga un forte tributo verso la band di Cobain. Oggi si parla molto di post – grunge e affini: non in questo caso, dato che qua di post non c’è nulla. Il calendario segna il 1992 e pare non ci sia verso di schiodarlo.

Un suono a tinte scure e dalle opacità inquietanti, quindi, ricco di cattive vibrazioni e di rimandi al punk ed al noise – rock più basilare. Così abbiamo brani come “For A While”, tunnel claustrofobico che non sfigurerebbe all’interno di “Incesticide”, oppure come “So Much Left To Say”, altro coacervo di distorsioni a metà strada fra “Territorial Pissings” e il mood di “Bleach”. Non di soli Nirvana vivono i Nostri, però. Ci sono, infatti, altri scampoli di Seattle – sound all’interno del disco, ad esempio “Is It You”, vicina a certi Soundgarden sepolcrali. Ovviamente in tutto questo discorso non può mancare il nome dei Melvins, il cui influsso è ben camuffato ma spesso presente negli episodi più deragliati dell’album.

Però i Navel dimostrano che, tutto sommato, sanno anche oltrepassare la barriera temporale dei primi anni Novanta e riallacciarsi a sonorità diverse e, a volte, più recenti. A sottolineare questa capacità ci pensa la title – track, forse l’episodio migliore dell’opera: slide guitar e armonica indicano un interesse per il blues e il southern non casuale, che viene ribadito in “Vomiting”, e che cita Queens Of The Stone Age e Immortal Lee County Killers, stoner e garage, sprazzi di rockabilly e un po’ di sano divertimento. Non solo cupezza e disagio esistenziale, questo è un gruppo rock che sa anche esser spensierato e ‘leggero’. A volte troppo, però, e così i Navel pasticciano un po’ quando cercano di alleggerire eccessivamente le atmosfere (la pop – oriented “Keep Me Dry” e l’acustica e lagnosa “Blue World” sono due bei passi falsi), o quando cercano di far cozzare assieme troppi elementi differenti (Dressed In Satin).

Nonostante qualche ingenuità di troppo, un’ispirazione non proprio di prima mano e i passaggi a vuoto di cui sopra, “Frozen Souls” è debutto positivo, fragoroso e irruente al punto giusto. Potranno crescere in futuro, ma già da ora sono sulla strada giusta. Meritano una possibilità, anche due se siete nostalgici di Nirvana & friends.

Stefano Masnaghetti  

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.