Music Attitude

[Ancient Folk] Ataraxia – Kremasta Nera (2007)


The Song Of Axieros – The Nine Rituals – Kremasta Nera – Ochram – Therma – Efestia – Ebur – Kaviria – Fengari – Klethra – Gria Vathra – Migratio Animae – Wings (I Had Once) – La Fame E La Danza

www.ataraxia.net 
www.arkrecords.net

A pochi mesi dall'uscita di "Paris Spleen", interessante parentesi di cabaret macabro e decadente, ma sostanzialmente estranea al loro percorso artistico, gli Ataraxia con "Kremasta Nera" ritornano nell'alveo di quel suono unico e inimitabile che in più di quindici anni di carriera hanno saputo plasmare con estremo rigore e lucidità.

Usando come base di partenza un concept legato all'antica religione proto olimpica praticata nell'isola di Samotracia, Francesca Nicoli e compagni s'addentrano in un percorso lirico – musicale densissimo di rimandi esotico – esoterici, affrontato con il consueto rigore filologico e la consueta bravura nel suscitare emozioni profonde nell'ascoltatore. Se c'è una cosa che distingue ed eleva gli Ataraxia al di sopra di parecchi altri gruppi a loro simili si tratta proprio dell'immensa conoscenza del patrimonio musicale che utilizzano: il loro folk "medievale", e in generale tutte le loro influenze, provengono da uno studio serio e attento delle fonti originali, delle canzoni e delle opere che realmente si cantavano e si scrivevano parecchi secoli fa. In "Kremasta Nera", poi, i Nostri si spingono ancora più indietro, andando a ripescare riti e vibrazioni perse nei millenni: l'iniziale "The Song Of Axieros", il brano migliore del disco, rappresenta proprio questo; uno sprofondare negli abissi del tempo, ipnotico e scandito dal nudo suono di cimbali e darbuka. Il resto si sviluppa di conseguenza: "The Nine Rituals" è affidata alle percussioni e a melodie orientali, mentre ancora più eteree e ondeggianti, giocate sulla voce di Francesca e sulla chitarra acustica di Vittorio Vandelli, sono "Efestia", "Therma" e la title track, altri punti di forza dell'album; "Ochram" pare quasi un omaggio ad uno dei loro maggiori numi tutelari, i Dead Can Dance del capolavoro "Aion", e "Gria Vathra" si spinge ancora più in là, fino ad incorporare suggestioni indiane.

Per chi segue già da tempo gli Ataraxia, e ne apprezza soprattutto la prima produzione (alla quale "Kremasta Nera" è maggiormente ispirato), questa ennesima loro emissione sarà sicuramente gradita e prontamente assimilata. Per chi non li conoscesse ancora, qualsiasi disco è valido per accostarcisi, compreso il qui presente.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.