Music Attitude

Biffy Clyro Opposites

biffy clyro opposites

biffy clyro opposites

Opposites” non è il disco che consacrerà a livello mondiale i Biffy Clyro: vere e proprie icone in Regno Unito (non a caso, saranno tra gli headliner del Reading And Leeds Festival 2013), nel Vecchio Continente e nel resto del mondo ricoprono lo status di cult band, capace di riempire al massimo i club di piccole e medie dimensioni. E la scelta di un doppio album (“The Land At The End Of Our Toes” e “The Sand At The Core Of Our Bones” sono i due capitoli che compongono l’ultima fatica degli scozzesi, nate inizialmente come due release distinti) è tutto fuorché un’operazione commerciale adatta per colpire mercati ancora poco avvezzi al suono di Simon Neil e soci. Per il nostro paese infatti è stata considerato più saggio escludere sei pezzi e fare un unico disco composto da quattordici brani.

A malincuore tocca ammettere che i Biffy non sono un nome adatto per un mercato come il nostro: non sono sofisticati come i Muse e, soprattutto, non hanno il dono della melodia dei Coldplay. Però rockeggiano di brutto, e pestano anche parecchio su “The Joke’s On Us”, “Stingin’ Belle” e su “Modern Magic Formula” (la quale nel ritornello richiama pesantemente i Foo Fighters). E, a conferma di non essere un nome di primo pelo, reclutano un guru come Garth Richardson per produrre un lavoro ben curato su tutti gli aspetti: basti pensare alle linee vocali nell’iniziale “Different People”, o al coraggio nel proporre tempi articolati come su “Sounds Like Balloons” e “Victory Over The Sun”, o ancora ai fiati in “Spanish Radio”, elementi contrapposti a quelli insiti in episodi più radiofonici come “Biblical” e “Skylight”.

Difficilmente “Opposites” muoverà qualcosa nel mercato italiano: i Biffy Clyro resteranno sempre un nome nel circuito degli appassionati e stop. Ma nella loro terra d’origine la loro ultima fatica cementificherà l’importante status raggiunto con anni di duro lavoro e sudore.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.