Blood Ceremony – Living With The Ancients

A tre anni di distanza dal loro debutto omonimo, ritornano i canadesi Blood Ceremony con un disco che poco o nulla ha da invidiare al sontuoso predecessore. Era difficile confermarsi, considerando anche il genere praticato dalla band, non esattamente l’ultima novità in fatto di ricerca musicale. Eppure, grazie a doti compositive superiori alla media e ad un’invidiabile capacità di calarsi nella parte, “Living With The Ancients” non delude affatto.

Il titolo, fra l’altro, potrebbe prestarsi a due distinte chiavi di lettura: sicuramente il gruppo lo intende in senso magico ed esoterico, ma è lecito anche pensarlo in chiave puramente sonora; i nostri vivono davvero con gli antichi, ossia con i mostri sacri dei Settanta, dai quali hanno appreso davvero tutto quello che sanno fare. Si assiste ancora una volta, quindi, alla bizzarra fusione tra i riff dei Black Sabbath e il flauto dei Jethro Tull, le due componenti che più caratterizzano il sound del complesso, che in realtà è dotato di uno spettro musicale ben più ampio, in grado di abbracciare l’hard rock di Uriah Heep e Deep Purple e di trasporlo in una sorta di prog – folk tenebroso ed ossianico, grazie al massiccio uso di un lugubre organo e agli insistiti riferimenti a band come Black Widow, Jacula, Necromandus e altre ancor più misconosciute sorte nel sottobosco underground di quarant’anni fa, anche italiano. Non da ultimi i Coven del cult album “Witchcraft Destroys Minds & Reaps Souls”, con i quali i Blood Ceremony condividono il cantato femminile; infatti dietro al microfono c’è sempre la bella e brava Alia O’Brien, che si occupa anche di flauto e organo.

Come già detto, le differenze rispetto al passato sono minime. Quella forse più evidente è il leggero aumento della componente progressiva, che si nota soprattutto nelle maestose code strumentali dell’apripista “The Great God Pan”, della conclusiva “Daughter Of The Sun” e di “Oliver Haddo”. Altrove è invece un più luminoso folk rock a farla da padrone, nelle fragranze ancestrali di “Coven Tree” così come nei medievalismi delle brevi strumentali “The Hermit” e “The Witch’s Dance”, fino a giungere al maggiormente lineare hard’n’heavy virato doom di episodi come “My Demon Brother” e “Morning Of The Magicians”, affine per certi aspetti ai compagni di scuderia Witchcraft.

“Living With The Ancient” è insomma un altro centro per la Rise Above di Lee Dorrian (Cathedral), che risulterà molto gradito a chi segue con interesse le ultime uscite della label inglese e apprezza quel genere di sonorità vintage che da noi vengono portate avanti soprattutto da etichette come la Black Widow e affini. Consigliato.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.