Music Attitude

Fabrizio Bosso Plays Enchantment

Fabrizio Bosso Plays Enchantment Recensione

C’è qualcosa di languido, di sensuale e di decadente nelle musiche di Nino Rota (1911-1979): le sue melodie malinconiche, intrinsecamente legate a grandi capolavori della cinematografia, fanno ormai parte della nostra memoria collettiva, nazionale ed oltre.

Chi non si è trovato a canticchiare un tema immortale come quello de “Il Padrino” oppure la marcetta scanzonata di “Otto e mezzo“?

Ecco dunque il senso di questo progetto, messo in opera nel centenario della nascita di Rota, di Fabrizio Bosso, musicista torinese, classe 1973: una reinterpretazione di questi brani, suonati dalla sua tromba (e flicorno) ed accompagnati dalla London Symphony Orchestra. La sezione ritmica jazz è invece composta da tre ottimi compagni di viaggio: Lorenzo Tucci alla batteria,Claudio Filippini al pianoforte e Rosario Bonaccorso al contrabbasso. Gli arrangiamenti e la direzione della prestigiosa orchestra sono di Stefano Fonzi.

E’ un disegno ambizioso (ma il buon Bosso ci ha abituato a sfide difficili) dove il rischio è sempre quello di scivolare nel pantano vischioso della nostalgia. Ma così non è. I temi, belli e ben arrangiati, risultano arricchiti degli inserti di jazz, che contribuiscono a dare la giusta spinta, il corretto impulso.

Così ci ritroviamo nel mondo un po’ magico di Luchino Visconti, di Federico Fellini, di Francis Ford Coppola. E questi temi, così ripensati, ci danno anche il senso della grandezza di un compositore che è stato, in vita, corteggiato dalle più importanti produzioni cinematografiche.

Marco Lorenzo Faustini

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.