Music Attitude

[Folk Rock] Robyn Hitchcock & The Venus 3 – Propellor Time (2010)


http://www.robynhitchcock.com/
http://www.myspace.com/sartorialrecords

“Propellor Time” è uscito da un po’ di tempo, e di esso si sanno ormai molte cose: che non è realmente il terzo disco scaturito dalla collaborazione fra Robyn e i Venus, perché le registrazioni risalgono al 2006, ovvero all’anno di pubblicazione di “Olé! Tarantula”, ben prima che “Goodnight Oslo” venisse anche solo pensato; che la formazione è sempre la stessa, l’ex discepolo spirituale di Syd Barrett più Peter Buck, Bill Rieflin e Scott McCaughey; che gli ospiti sono tanti e illustri, e fra loro spiccano John Paul Jones e Johnny Marr (ma su “Sickie Boy” è Hitchcock stesso a presentarli).

Elencare questi dati è facile. Molto più impegnativo è capire dove uno degli ultimi geni della melodia acida e trasognata, quella che colorò i cieli inglesi di più di quarant’anni fa e che da lui fu riportata in vita, sia voluto andare a parare con questo album. Si possono fare mille congetture diverse, ma capirne l’essenza è pressoché impossibile. È un po’ il problema di tutta la sua produzione artistica, sfuggente e mai totalmente compiuta, in grado di stimolare dubbi e domande, ma sempre reticente riguardo alle risposte.

Probabilmente “Propellor Time” ci racconta di un Robyn mai rilassato come adesso. Dei tre lavori insieme ai Venus, questo è il più classico e asciutto. La psichedelia è come se fosse evaporata, per lasciar spazio a un folk rock dai tratti senili (e in questo caso è un complimento) che più che a Barrett guarda a Dylan. In mezzo a dieci brani, spunta solo una pralina dolcemente lisergica, la stralunata “John In The Air”; per il resto troviamo la strettamente dylaniana “Born On The Wind”, con armonica d’ordinanza, il Dylan risuonato dai R.E.M. di “The Afterlight”, le sfumature country di “Luckiness”, l’introversione della title – track, le pulsioni epiche della ballad “Primitive”. Tutto profuma parecchio di America e di praterie, salvo i tocchi british di “Ordinary Millionaire” (scritta e suonata da Johnny Marr, e sì, qualcosa degli Smiths traspare) e della svelta “Sickie Boy”.

Più che a un disco, “Propellor Time” assomiglia a un vecchio armadio rimasto per anni in solaio. Non lo apri da tantissimo tempo, ma se ti capita di farci caso e di esserne incuriosito, puoi persino trovare il suo contenuto molto più interessante di quello che c’è là fuori.

Di certo questo non è il capolavoro di Robyn Hitchcock, i tempi nei quali una febbrile creatività metteva a ferro e fuoco la sua mente ipersensibile sono passati da un pezzo. Ora lui è un signore più vicino ai sessanta che ai cinquanta, ha messo la testa a posto (?) e si diverte con musiche antiquate. Ma ogni canzone che scrive è sempre un bellissimo regalo per tutti quelli che lo amano.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.