[Hard Rock] Velvet Revolver – Libertad (2007)


Let it roll – She mine – Get out the door – She builds quick machines – The last fight – Pills, demons & etc. – American man – Mary Mary – Just sixteen – Can’t get it out of my head – For a brother Spay – Gravedancer.

www.velvetrevolver.com
www.rcarecords.com

Come auspicabile, i Velvet Revolver hanno smesso di essere l’unione di due super gruppi per diventare finalmente qualcosa di unico e compatto.
Già l’EP “Liberty And The Tiranny” aveva fatto capire che potevamo aspettarci grandi cose dal successore di “Contraband” e così è stato. “Libertad” è sporco quanto basta, con testi che toccano i più svariati temi: dall’onnipresente problema di Weiland con le droghe a tematiche più universali, come la sempre maggiore mancanza di libertà. Il disco inoltre è supportato da una base ritmica precisa e potente, nonché dalla classe immensa di un certo Slash.

Weiland stesso, considerato spesso il corpo estraneo del combo, pare più che mai integrato e la battaglia vinta contro le dipendenze, che gli hanno recentemente portato via il fratello, ha reso il suo cantato di maggior impatto e le sue performance impeccabili. Forse lo spettro di Axl ci metterà ancora un po’ a scomparire, ma molto probabilmente, dopo questo disco, molti smetteranno di aspettare invano “Chinese Democracy”…Long Live Rock And Roll.

L.G.

 

Con il precedente Contraband (2004) la band era riuscita a creare un hype mostruoso, debuttando al n°1 in America, e vendere almeno due milioni di copie. Peccato che tutto il mondo ci sia cascato per via della sete inesauribile di Guns’n’Roses e dell’inconsistenza di Axl Rose. A freddo, però, il debutto giocava tutte le sue carte migliori. Pur non essendo un disco esageratamente graffiante, l’esperienza di Duff, Slash e Matt (ex Guns) insieme a Scott Weiland (ex Stone Temple Pilots) era riuscita a comporre dei pezzi davvero sopra la media (‘Sucker Train Blues’, ‘Big Machine’ e ‘Falling To Pieces’ su tutti), creando un album estremamente godibile, pur accettando di dimenticare il glorioso passato.

E ora le cose come vanno? Male. Pur essendo un miracolo che tali teste calde siano rimaste insieme per un secondo album, il risultato è decisamente fiacco. Suoni ancora più puliti, ritmi sempre tranquilli e songwriting al minimo sindacale. Insomma, è venuto fuori l’abum di pop rock che avevano promesso di NON fare. Siamo lontani anni luce da basso sferragliante di ‘It’s So Easy’, scordatevi la chitarra abrasiva di Slash con i suoi assoli epici, pure Scott canta da bravo ragazzo!
Dire che qualcosa si muove a partire con ‘Just Sixteen’, ‘Spay’ e con una bella ballad anni ’80 come ‘Gravedancer’ nel finale è, come si suol dire, ‘troppo poco, troppo tardi’. Da evitare, a meno che vogliate pagare loro da mangiare…e a guardare i video direi che ne hanno bisogno.

M.B.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.