Music Attitude

[Hard Rock/Progressive] White Denim – Fits

 

[Hard Rock/Progressive] White Denim – Fits (2009)

 

Radio Milk How Can You Stand It – All Consolation – Say What You Want – El Hard Attack DCWYW – I Start To Run – Sex Prayer – Mirrored And Reverse – Paint Yourself – I’d Have It Just The Way We Were – Everybody Somebody – Regina Holding Hands – Syncn

http://whitedenimmusic.com/
www.fulltimehobby.com

Nonostante gli ultimi anni non siano stati certo esaltanti per lo sviluppo della musica, così compresi fra un mero revival da sfruttare e una ridda di reunion sterili ed inutili, ogni tanto c’è ancora qualche artista che ha il coraggio di osare e di percorrere sentieri poco battuti, ai confini con l’incerto. Questo è il caso dei White Denim, trio texano (Austin) che basa lo scheletro della propria musica sugli anni Sessanta/Settanta, ma che non utilizza il passato in modo puramente calligrafico/nostalgico. Anzi, non si fa timore di trasportare nella contemporaneità suoni, visioni e sensazioni di quasi quarant’anni fa. Probabilmente pochi al giorno d’oggi meritano l’appellativo ‘progressivo’ quanto i White Denim.

“Fits”, loro terzo album, è un frullato di stili che stupisce per freschezza e ispirazione, anche se a volte il senso di confusione raggiunge livelli parecchio alti (e anche questo, a ben guardare, è un pregio). Assoli blues – rock si fondono con modi di fare indie anni 00, il piglio delle garage band di “Nuggets” è affiancato a percussioni latine, con Santana che occhieggia ai Thirteen Floor Elevators. C’è posto per l’urgenza dell’hardcore Eighties e per il funambolismo dell’hard rock Seventies, c’è un gusto per la continua metamorfosi di uno stesso brano che fa addirittura pensare a Frank Zappa (ovviamente fatte le debite proporzioni, ma c’è): pezzi come “Radio Milk How Can You Stand It” e “Say What You Want”, con le loro bizzarre variazioni, ricordano terribilmente le arguzie del Maestro americano; e la soul ballad “Regina Holding Hands” potrebbe ben figurare in uno dei suoi dischi più ‘commerciali’. In molti brani pare che un gruppo punk si diverta a rileggere Jimi Hendrix, in altri la psichedelia s’insinua in robusti blues che potrebbero essere dei Led Zeppelin (All Consolation). Quando serve, anche l’organo hammond è chiamato in causa, e i risultati sono più che apprezzabili (“Paint Yourself” e “Sex Prayer”). Proseguendo nell’ascolto, si scoprono preziose striature folk, country e tante altre raffinatezze che i Nostri sanno introdurre nell’economia del loro suono senza forzature, quasi con nonchalance. Tutto questo in soli 12 brani e in soli 36 minuti di durata!

Senza supponenza, anzi quasi con umiltà e naturalezza, i White Denim hanno composto un disco coi fiocchi, che spiazza, aguzza l’udito e si rivela più interessante del 99% della musica in circolazione. Se non si monteranno la testa, in futuro i tre texani potranno persino superarsi, limando qualche ingenuità di troppo e sfornando opere in grado di aprirsi il varco da sole, senza bisogno d’innestarsi su di un genere preesistente. La speranza è questa, per adesso c’è “Fits” da far girare molte volte nel lettore.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.