Music Attitude

[Indie Folk] Anni Rossi – Rockwell (2009)

 

Machine – Ecology – Las Vegas – The West Coast – Deer Hunting Camp 17 – Living In Danger – Venice – Glaciers – Wheelpusher – Air Is Nothing

http://www.myspace.com/annirossi
http://www.4ad.com

Debutto sulla lunga distanza – per modo di dire, dato che il cd dura 26 minuti – per Anni Rossi, giovane cantautrice originaria del Minnesota (ora però vive a Chicago). “Rockwell” segue di pochi mesi l’ep “Afton”, dal quale riprende alcuni pezzi, riarrangiati per l’occasione. Produce Steve Albini.

La presenza di Albini dietro la consolle e le caratteristiche della musica di Anni portano naturalmente ad un collegamento mentale con Joanna Newsom. Basi comuni di partenza, ossia un indie – avant – folk che si trasfigura, spesso e volentieri, in pop orchestrale da camera. Strumenti d’elezione dal pedigree classico: per Joanna il timbro delicato ed etereo dell’arpa, per Anni quello velato e penetrante della viola moderna. Quello che differenzia le due artiste, e che fa dell’ultima un talento autentico e non un mero clone di qualcun altro, è la voce. Che nelle 10 canzoni di “Rockwell” svolazza libera fra Bjork e Ani DiFranco, My Brightest Diamond e Joni Mitchell, in grado di esser stridente e acidula ma, all’occorrenza, anche dolce e soffusa.

Ancor più interessante è il suo modo di suonare la viola. Nella sua biografia si legge di studi classici intrapresi sin dalla tenera età di tre anni, e, in effetti, l’abilità mostrata con l’archetto non è comune: echi di questa formazione si sentono chiaramente nell’ostinato di “The West Coast” e, soprattutto, nelle dinamiche barocche di “Venice” (evidentemente il titolo non è casuale).

Voce e viola sono sempre in primo piano, rappresentando il fulcro di composizioni minimaliste e disadorne: a parte l’accompagnamento percussivo e le lievi coloriture di una sezione d’archi, c’è poco altro. Si opera per sottrazione; pochi gesti per un suono spesso nervoso e ispido – e qui si sente la mano di Albini – che bada all’essenziale. Mini indie – sinfonie da camera dal marcato gusto pop, spesso talmente spoglie da mostrar lo scheletro di note sul quale son costruite. La loro estrema brevità è ulteriore indizio di questo modus operandi.

Tale minimalismo è però arma a doppio taglio: poiché così facendo si evitano inutili orpelli, ma spesso sviluppi interessanti vengono bloccati sul nascere, e farebbe piacere sentire la Nostra impegnata in qualche brano di più ampio respiro, più complesso e esteso. A soli 23 anni la cantante e violista è già una promessa per il futuro, ma è necessario attendere qualcosa di più corposo per poterla capire più profondamente.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.