Music Attitude

[Indie Rock] Elliott Smith – An Introduction To…Elliott Smith (2010)



http://www.sweetadeline.net/
http://www.dominorecordco.com/

Dopo l’album postumo “From a Basement on the Hill” (2004) e la raccolta d’inediti “New Moon” (2007), anche per Elliott Smith è arrivato il momento del semplice “best of”, segno che ormai il grande cantautore statunitense ha guadagnato lo status di classico della musica moderna. “An Introduction to…” è né più né meno quello che promette il titolo, ossia una pubblicazione destinata quasi esclusivamente a chi non ha ancora avuto la fortuna di conoscere ed apprezzare le canzoni di questo musicista tragicamente scomparso nel 2003.

Nessun inedito o rarità, quindi, solo una panoramica su quanto fatto da Elliott nel corso della sua carriera solista. A far la parte del leone ci pensano i brani tratti da “Either/Or” (1997), ben 5 su 14; scelta piuttosto scontata, dato che si tratta dell’album che rivelò il genio del Nostro al mondo intero, e che gli permise di firmare addirittura un contratto con una major per il successivo “XO” (1998), il quale è invece rappresentato da una sola traccia, “Waltz #2” (ma probabilmente tale scelta è anche dovuta a motivi di copyright, dal momento che questa compilation esce per Kill Rock Stars Records negli Stati Uniti e Domino Records in Europa).

In ogni caso la selezione è ben fatta, ogni LP è rappresentato da almeno una canzone, e i classici, da “Needle in the Hay” ad “Angeles”, da “Ballad of Big Nothing” a “Between the Bars”, passando per l’immancabile “Miss Misery”, qui nella versione presente su “New Moon”, ci sono quasi tutti. Certo, ogni fan potrebbe lamentare l’esclusione di questo o quel brano; io, ad esempio, avrei gradito molto l’inclusione di “Let’s Get Lost”, episodio minore ma di grazia cristallina. Il punto, però, è che il disco in questione non è stato affatto pensato per i fan del songwriter, ma piuttosto quale mezzo in grado di far conoscere la sua musica a nuove persone. L’aspetto commerciale è talmente ovvio da non meritare ulteriori sottolineature.

“An Introduction to…” è allora una buona occasione per iniziare a conoscere e, forse, amare una delle poche figure realmente eccezionali del panorama indie degli ultimi vent’anni, in grado di rileggere e innovare l’intimismo di Nick Drake e molto del pop rock degli anni Sessanta/Settanta – in particolare Beatles e Simon & Garfunkel – attraverso un’attitudine sinceramente ‘alternativa’, che chiama in causa tanto Evan Dando e i suoi Lemonheads quanto Beck, il tutto con un piglio ‘obliquo’ chiaramente influenzato dagli inizi hardcore/grunge con gli Heatmiser.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.