Music Attitude

[Indie Rock] Gaben – Cane (2010)


http://www.myspace.com/gabencane
http://www.benkarecords.com/

Disco d’esordio per Gaben, nome d’arte dietro al quale si cela il musicista Alessandro Gabini, classe 1976. Non un ragazzino, quindi. Infatti, prima di pubblicare “Cane” e iniziare l’avventura solista, Alessandro ha fatto molto altro, non solo in ambito musicale: da sempre si dedica alle arti visive, ha registrato e suonato dal vivo per Viola (il gruppo di Violante Placido) e negli anni Novanta è stato bassista per i Giuliodorme.

Per comprendere i 32 minuti di musica contenuta in “Cane” è necessario riallacciarsi idealmente proprio a quel decennio, fondamentale per la crescita dell’artista di cui si sta disquisendo, che in quegli anni divideva la sua vita fra skate e video musicali dei più disparati generi, dall’hip – hop dei Beastie Boys all’hard rock degli AC/DC. Anche se è evidente che i suoni che più l’hanno colpito sono quelli del grunge (Nirvana), dell’hardcore (Fugazi) e del lo – fi in salsa alternative (Pavement). Per la verità le affinità con il gruppo di Ian MacKaye sono lievi e sporadiche: qualche digressione chitarristica e poco altro. Il più lo fanno certe oblique atmosfere tra lo svogliato e il trasognato che sono davvero contigue all’estro di Stephen Malkmus, più alcune sporche melodie modellate su quelle di “Nevermind”.

La decisione di cantare esclusivamente in italiano e un approccio più cantautorale tengono comunque a debita distanza le influenze di cui sopra, e una certa estetica ‘slacker’ viene declinata con sensibilità più affine al contesto provinciale in cui Gaben si trova a vivere. In questo caso il riferimento maggiore è Bugo, e terribilmente bughesche sono le canzoni migliori: l’energica “Quello che ti sembra”, ritornello da manuale dell’indie contemporaneo e coda finale simil garage, e “Motivetto”, svagata e giovanilisticamente esistenzialista. I testi, talmente semplici ed arruffati da non essere quasi mai banali, rappresentano un ulteriore pregio di un album che, nel suo essere autenticamente scazzato e saldo coi piedi per terra, risulta un’opera prima di tutto rispetto, e fa ben sperare per la carriera solista del cantautore abruzzese.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.