Music Attitude

[Indie Rock] Ramona Falls – Intuit (2009)

 

Melectric – I Say Fever – Clover – Russia – Going Once, Going Twice – Salt Sack – Boy Ant – Always Right – The Darkest Day – Bellyfulla – Diamond Shovel

www.myspace.com/ramonafalls
www.barsuk.com

Ramona Falls è il progetto solista di Brent Knopf, meglio noto per la sua carriera con gli sperimentatori Menomena. A differenza di molte altre esperienze simili, con “Intuit” il Nostro non si limita a riproporre la musica già suonata nel gruppo d’origine. Per fortuna. Anzi, sfrutta quest’occasione per lasciarsi andare, mettendo in mostra tutto il suo talento melodico, con 11 canzoni – termine non usato a caso – più lineari e dirette rispetto alle traiettorie ellittiche alle quali il musicista di Portland ci ha abituati con il suo gruppo principale.

Non che “Intuit” sia totalmente avulso da un certo mondo sonoro: i richiami ai Flaming Lips ed ai Mercury Rev continuano ad esserci e in gran copia, le sincopi e gli sfasamenti ritmici pure (“Always Right”, “Bellyfulla”, la coda di “Going Once, Going Twice”), e un’aura di psichedelia trasognata e meditabonda aleggia in tutte le composizioni. Però c’è anche dell’altro. Prima di tutto una marcatissima indole acustica, che lo avvicina ai nuovi eroi dell’indie – folk quali DM Stith, Iron & Wine, Damien Rice e Sufjan Stevens: “Salt Sack” e le sue progressioni orchestrali fanno pensare proprio a quest’ultimo, mentre la spoglia “Diamond Shovel” profuma addirittura di Elliott Smith. Unito a questo c’è il raggiungimento di una nuova semplicità, grazie alla quale gli esperimenti con il “deeler” e le varie commistioni timbriche assumono una nuova veste, più emotiva e meno cerebrale. “Russia” e “The Darkest Day”, con tanto di violino, ricordano l’Eels più romantico, “Melectric” può essere avvicinata ai Sophia di “People Are Like Seasons”, “I Say Fever” alterna elettricità selvaggia a umori notturni da night club, e l’incredibile “Boy Ant” è un pezzo per piano solo che pare uscito dalla penna di Schumann (ovviamente fatte le debite proporzioni, ma l’ispirazione indica la prima metà dell’Ottocento).

Si percepisce che quest’album è nato in modo spontaneo e non forzato, con Brent attorniato da amici e nessun obbligo all’orizzonte. Soprattutto, è nato bene, sa emozionare e coinvolgere dall’inizio alla fine, non costruisce barriere fra sé e l’ascoltatore, scorre fluido e mosso allo stesso tempo. Rimarchevole. Fossero tutti così i side – project…

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.