Music Attitude

[Indie Rock] The New Year – The New Year (2008)

 

Folios, The Company I Can’t Get, X Off Days, The Door Opens, MMV, Seven Days And Seven Nights, Wages Of Sleep, Body And Soul, My Neighborhood, The Idea Of You

http://www.thenewyear.net/

I fratelli Kadane rappresentano il vero succo dell’indie rock made in Usa. Capacità, crucialità musicale, spessore del songwriting. Altre caratteristiche: pacatezza, arrivare al cuore dell’ascoltatore, produrre dischi in tempi blandi. Si sono auto-traghettati fino a questi tempi dagli importanti anni 90 del post rock in cui hanno dato alle stampe tre album a nome Bedhead (recuperate assolutamente “Transaction De Novo”). La loro musica a cavallo tra il 1992 e il 1998 è stata troppo poco considerata dal panorama internazionale. E questo è un male.

Dal 1999 hanno cambiato ragione sociale e si chiamano The New Year, prendendo nelle loro fila anche l’ex Codeine e Come Chris Brokaw.
Il primo disco “Newness Ends” era discreto, molto compatto, e scorreva via con gran sincerità. Il secondo era davvero convincente. “The End Is Near” ha regalato lacrime e brividi a non finire.

Ed ora siamo al terzo che esce dopo ben quattro anni di scrittura ed un lungo periodo in studio, a dimostrare ancora la loro figura aliena ad ogni pressione esterna.
Le coordinate rimangono indirizzate verso Red House Painters e Leonard Cohen. Rimane un senso di intimità portante. Ma rispetto ai dischi precedenti cambia molto.
Si nota in tutti i brani molta più sensibilità, basti pensare quante volte le melodie sono incentrate e sorrette dal pianoforte. Spariscono quasi del tutto le spigolosità, favorendo un’indolenza romantica. La partenza ricorda l’ultima traccia dell’ultimo disco dei Bedhead ma poi, mentre si aspetta il crescendo e riempimento di strumenti, l’opening si stoppa. E per trovare un’apertura davvero elettrica si deve aspettare l’accensione del meccanismo tanto caro al Kadane-core solo alla fine dell’ultimo brano.
Mancano molti incastri e forse non si trovano proprio dei pezzi che fanno gridare la malinconia interna di ognuno. E a conti fatti l’album rappresenta un passo indietro, anche se stiamo parlando di una discreta raccolta di canzoni, cosa che, decontestualizzando il loro percorso negli anni, è un risultato finale che spesso manca a molte band attuali.

Luca Freddi

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.