Music Attitude

[Indie Rock] The Niro – The Niro (2008)

 

You think you are – Liar – About love and Indifference – So different – Cruel – Mistake – An ordinary man – Josee – Just for a bit – Baisers voles – Marriage – Hollywood – I Wonder

http://www.theniro.com/

http://www.universalmusic.it/

Davide Combusti, in arte The Niro, era soltanto un bambino quando il padre lo inizia a chitarra, batteria e basso. Davide si ritrovò con un grande amore per la musica che, unito alla passione per l’estero, lo portò ben presto a Boston, Londra, New York per un vortice di collaborazioni, progetti, iniziative che potessero dare espressione alla sua natura da polistrumentista ( Inspiral Carpets, Isobell Campbell, Sondre Lerche le sue collaborazioni più famose).

Davide sembra un lupo solitario, un’anima inquieta che porta con sé la sua musica fatta di rarefattezze Radiohediane e di ambientalisti alla Brian Eno, senza farsi notare, senza dare troppo nell’occhio. Just an ordinary man. Un’ombra che niente penetra e niente disturba, se non attraverso il pathos delle sue grida che spezza l’incanto delle eteree melodie che sa creare con maestria. “You think you are” apre l’album: le note veloci della chitarra si alternato ai sussurri e ai lamenti, ottimo preludio a “Liar”, capolavoro di disperata intensità e vertigine che dipinge quella sensazione di rimorso che spinge a cercare riparo in un vuoto colmo di drammaticità: “you can wash your sins with rain water/When you’re nowhere, you talk to yourself, your own best friend, you need noone else/”.
In “About love and Indifference” Davide rivela una grande abilità nell’arrangiare un assolo di chitarra classica da brivido, che si fonde con un altro testo che invoca la perdita, l’abbandono a una solitudine che viene quasi a dare sollievo alle sofferenze, che spazza via i ricordi. “So different”, sfacciatamente Thom yorkiana, sembra uscita da “Ok Computer”. Ma bella, bellissima, un altro momento di piacere effimero che ci concede il cantante.
“Cruel” e “Mistake” proseguono poi nella cupa raffigurazione di personaggi che incarnano errori, sbagli, rimorsi, pentimenti. La schiarita però c’è e si chiama “An ordinary man”, storiella ironica sull’uomo medio che ricorda un po’ quella dei Kinks in “A well respected man”. Strappa quasi un sorriso. Ma Davide continua a seguire il filo delle sue ossessioni con “Just for a bit” e “I wonder”, magiche.

Che dire, si tratta di un album intenso, difficile a tratti ma che entra nella pelle per rimanerci un bel po’. The Niro sa combinare in un modo tutto suo la violenza dei testi, quasi sempre carichi di sentimenti rancorosi, a una dolce poliedricità strumentale che ne sa limare le spigolosità.

Valentina Lonati

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.