Music Attitude

[Indie Rock] The Zutons – You Can Do Anything (2008)

Harder and Harder – Dirty Rat – What’s Your Problem – You Could Make the Four Walls Cry – Family of Leeches – Don’t Get Caught – Bumbag – Always Right Behind You – Put a Little Aside – Freak – Give Me a Reason – Little Red Door

http://www.thezutons.com/
http://www.deltasonic.com/

Di ritorno da Los Angeles dopo un viaggio alla (ri)scoperta del proprio ego, i ragazzi di Liverpool riprendono il cammino discografico, riallacciano rapporti col rinomato produttore George Drakoulias (Johnny Cash e The Black Crowes tra gli altri) e danno alle stampe il nuovo album, cinquantacinque minuti di rock contaminato marchiati dalla Deltasonic Records, etichetta che li ha scovati qualche anno addietro. You Can Do Anything è il terzo lp della carriera, ma sono ben tredici i singoli rilasciati fino ad oggi incluso Always Right Behind You ed escluso l’imminente What’s Your Problem, i brani punta di questa nuova produzione.  

Anche se parlare di “brani punta” è un po’ troppo, perché You Can Do Anything è a tutti gli effetti un disco di medio/basso profilo compositivo che pesca qua e là tra Steely Dan, Animals, Traffic e presenta qualche rimando alla Tom Petty, come nel caso della traccia sei, Don’t Get Caught.
Il talento pare esserci (Harder and Harder è un’opener centrata), la disinvoltura e la personalità vengono meno rispetto ai fuochi d’artificio delle mezzenotti trascorse… sarà mica questa sospirata influenza americana che invece di agevolare, ostacola?

Si salvano, infine, Bumbag e i due singoli indicati: tutto il resto si attesta ad un livello troppo basso per motivare l’esborso monetario, circa quindici euro, necessario per assicurarsi You Can Do Anything. I The Zutons ci avevano abituati a progettazioni ben più geniali, oggi sembrano una mera “contraffazione” di loro stessi. Speriamo si tratti soltanto di un passo falso.

Gaetano Loffredo

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.