Music Attitude

[Indie Rock/Post Grunge] Ladyfinger (ne) – Dusk

[Indie Rock/Post Grunge] Ladyfinger (ne) – Dusk (2009)

Over And Over – A.D.D. – Little Things – Two Years – Read The Will – Work Party – Bones – Plans – Let’s Get Married – Born In The 80’s

http://www.ladyfingersucks.com
http://www.saddle-creek.com

La sigla (ne) sta per Nebraska, stato di origine della band in questione, che la utilizza per evitare confusione con i Ladyfingers e il loro strambo rockabilly in salsa lo – fi. Nebraska, dicevamo. Più precisamente Omaha, e il quartetto incide per Saddle Creek.

Chi vi viene in mente? Esatto, i Cursive. E, in effetti, le affinità tra i due gruppi ci sono. Entrambi partono da un retroterra punk – hardcore, entrambi lo alleggeriscono con una ricerca melodica sempre in primo piano, entrambi condividono il gusto per melodrammatiche tonalità di stampo emocore. Le similitudini, però, finiscono qui, perché i Ladyfinger (ne) sono più diretti e meno complessi, e puntano tutto quello che hanno da giocare sul ritornello power – pop a presa rapida. Oltre a nutrire un grosso debito verso il cosiddetto post grunge, Foo Fighters in primis.

Strumentalmente sono bravi, e al primo ascolto “Dusk” pare un disco dannatamente buono. Le canzoni mantengono un buon equilibrio tra levigatezze indie rock e venature metalliche, di chiara derivazione post punk, con i Fugazi quali mentori principali (cfr. la conclusiva “Born In The 80’s”, in cui sono pure percepibili alcuni spunti à la Sonic Youth). Poi c’è la componente più smaccatamente hard rock, e in questo caso i nomi privilegiati sono quelli della sopraccitata band di Dave Grohl e degli ultimi Queens Of The Stone Age (“Little Things” e “Two Years” sembrano partorite da una session fra i due complessi). Non mancano neppure accenni di math rock, evidenti soprattutto nelle trame percussive di “Read The Will” e nel riffing di “Work Party”. Il cantante Chris Machmuller si rivela un buon melodista, e i musicisti dietro di lui sono ottimi nel coadiuvarlo, sia nei frangenti più agitati sia in quelli più palesemente pop – oriented.

Però, proseguendo negli ascolti, l’album inizia a cedere. I Ladyfinger (ne) sono sì abili nell’amalgamare parecchi generi differenti, ma i riff riciclati sono un po’ troppi (in “A.D.D.”, ad esempio, pare di sentire un accordo dei Black Flag immerso in melensi arrangiamenti emo, e non è un bel sentire); si scivola spesso in un hardcore melodico di piccolo cabotaggio, come in “Bones”; in generale, le trovate melodiche sanno troppo spesso di già sentito, e questo è il difetto peggiore per il loro ideale musicale.

“Dusk” è un buon ascolto disimpegnato, da sottofondo serale. Ma rischia di esser dimenticato nel giro di pochi mesi. In ogni caso il gruppo è dotato di un talento fuori dal comune, specie per quanto riguarda la capacità di unire dolcezza e aggressività: piazzando un paio di singoli “giusti” nel prossimo disco, la band potrebbe fare il botto commerciale, perlomeno negli Stati Uniti.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.