Music Attitude

[Lo-Fi/Folktronica] Tune Yards – Bird Brains (2009)

 

For You – Sunlight – Lions – Hatari – News – Jamaican – Jumping Jack – Little Tiger – Safety – Fiya – Synonynonym – Want Me To – Real Live Flash

www.myspace.com/tuneyards
www.tuneyards.com

Merril Garbus ci insegna il Low-Fi fricchettone, mentre intorno a noi il mondo crolla in pezzi all’ ennesima replica della stessa solfa da gruppo new qualcosa: impugnando l’ukulele ci mostra, di nuovo, la via, più e più volte battuta eppure mai così fresca, della musica volutamente scarna, volutamente acida, ripetendo quella magia che arriva sempre dopo una grande abbuffata di tentativi di perfezione e di style, la magia del dito in gola liberatorio.

Quello di Tune-Yards è un progetto che fa della semplicità nuda e tribale la sua pietra angolare: sui campioni di un bambino che parla di mirtilli e su voci che parodiano gorgheggi, la Garbus costruisce ritmi ossessivi fatti di arpeggi essenziali e batterie elettroniche, collocandosi in quel mondo a parte che sta esattamente a metà fra la vera e propria “musica” e la performance artistica unica, irripetibile ed ogni volta diversa. Quel limbo, tanto per intenderci, i cui estremi sono fissati da un lato dai musicalissimi Tunng, dall’altro dagli ostici Xiu Xiu, e nel quale, almeno per una volta, sono entrati tutti coloro interessati al lato più primitivo, spontaneo della musica, da Bjork a Thom Yorke, passando per Patti Smith e i Moldy Peaches.

Ballando intorno ad un falò col suo ukulele, Merril Garbus evoca uno ad uno tutti questi fantasmi, che compaiono e scompaiono fra le fiamme mentre i pezzi scorrono uno dopo l’altro prendendo le forme di Hatari, anarchia cacofonica, e del reggae scheletrico Lions,  della filastrocca per bambini di Jumping Jack, e della dolcezza di Fiya, (fuoco, in slang).
Neanche per un momento ci sembra che tutto questo non abbia senso, nonostante le idee a volte non siano esattamente originali, nonostante l’inesperienza a volte esca prepotentemente allo scoperto. Questo album, un rito per esorcizzare i bassi Rickenbacker, gli amplificatori Orange e le cravattine sottili, funziona alla grande, e ci dimostra  ancora una volta che per fare grandi cose bastano un registratore, dei rumori e delle idee, oltre che un po’ di buoni spiriti che accompagnino lungo il cammino.

Francesca Stella Riva 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.