Music Attitude

Ofeliadorme – All Harm Ends Here

Gli Ofeliadorme sono un quartetto bolognese di belle speranze, qui al loro primo album vero e proprio, dopo l’EP “Sometimes It’s Better To Wait” (2009). Il “belle speranze” sia detto senza alcun intento ironico, perché in “All Harm Ends Here” potrebbero essere contenuti i prodromi per una carriera importante e ricca di soddisfazioni.

Quello che colpisce innanzitutto è il respiro internazionale della band, sia a livello lirico sia a livello sonoro. Tutti i testi sono in inglese, ma a differenza di molti altri act italici la pronuncia è di primo livello. Il merito è della cantante Francesca Bono che, dizione a parte, si dimostra molto dotata anche sul piano puramente musicale; un’ottima voce la sua, fra il malinconico e l’onirico, che potrebbe ricordare quella di PJ Harvey, ma non solo: la traccia d’apertura, “Paranoid Park”, la mostra infatti alle prese con una melodia molto bristolsiana, tanto da far venire immediatamente in mente Beth Gibbons e i Portishead dell’etereo “Dummy”.

Fra i punti di forza degli Ofeliadorme non c’è però solo Francesca. C’è anche un sound capace d’inglobare gran parte degli ultimi sviluppi dell’indie e dell’alternative rock. Innanzi a noi sfilano i nomi di Radiohead e Cure, ma c’è anche l’America di Low e Codeine a dare un’impronta slowcore a molti dei pezzi presenti nell’opera. Particolarità, quest’ultima, che dona un’aura ipnotica e avvolgente a canzoni quali “The King Is Dead” e “I Like My Drums” (con coda di tromba), mentre la più tempestosa “Ian”, apice ‘hard’ di “All Harm Ends Here”, sfodera un incedere fra post – grunge e post – punk. Non mancano neppure aperture post – rock e molte suggestioni indie folk: queste ultime sono concentrate soprattutto nei brani conclusivi, un lento discendere in meandri di quiete vigile che, dal freak – folk della strumentale “Leaves Of Grass”, porta sino alle foschie acustiche della ballad “Eve”, in cui voce e chitarra acustica sfumano in lontananza.

L’album è autoprodotto e registrato interamente nello studio del batterista della band, Michele “Post” Postpischl, e i suoni sono davvero ben fatti. Insomma, un ottimo esordio per Ofeliadorme; ora c’è bisogno di continuare così, magari cercando uno stile più personale e incisivo (si potrebbero aumentare le parti ‘heavy’ per dare più risalto a quelle ‘intimiste’), per il resto “All Harm Ends Here” è un notevole punto di partenza.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.