Paul Banks Banks

Paul Banks Banks

Paul Banks Banks

Paul Banks non è un tipo che fa musica allegra: lo dimostra ampiamente sia la sua carriera come frontman degli Interpol, che il primo dei suoi lavori da solista (con lo pseudonimo Julian Plenti). “Banks”, secondo album personale del cantante e chitarrista Newyorkese, è un lavoro che si potrebbe definire allo stesso tempo classico e innovativo.

Se da un lato, infatti, è facilmente rilevabile il suo marchio di fabbrica, dall’altro ci sono alcuni pezzi che sorprendono per un’inconsueta leggerezza, e perché si distanziano un po’ dall’orizzonte musicale a cui Banks ci aveva abituati. Così ci si imbatte in “Over My Shoulder”, in cui spicca una linea di chitarra semplice ed accattivante, “Young Again”, e soprattutto “Lisbon”, brano strumentale riflessivo, di piacevolissimo ascolto: è il tipico pezzo che ti accompagna mentre ti perdi nei tuoi pensieri, non li invade ma li sa accompagnare dolcemente. Come anticipato, non mancano poi pezzi come “The Base” e “Paid For That”, che richiamano alla mente i più classici Interpol e costituiranno la parte maggiormente apprezzata dai fan del gruppo.

Filo conduttore di tutto il lavoro è la vena compositiva di stampo riflessivo e sicuramente un po’ cupo di Banks, abituato a sfornare canzoni tanto intense quanto introspettive. 
Se il difetto maggiore degli Interpol è quello di creare pezzi piuttosto simili tra loro per sonorità e struttura, possiamo dire che con questo album Paul Banks è riuscito in parte ad evitare il problema, aprendosi a creazioni e sperimentazioni un po’ distanti dal suo solito repertorio, senza mai però separarsi dallo stile che l’ha reso famoso e da sempre lo contraddistingue.

Marco Bassano

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.