Music Attitude

Poor Moon Illusion EP

Poor Moon - Illusion EP

C’è tanta storia dietro questo primo Ep di cinque tracce, siglato Poor Moon.  Innanzitutto questa band è stata inizialmente creata e pensata come progetto a distanza, perché tutti i membri del gruppo sono principalmente coinvolti in altre formazioni: abbiamo difatti da un lato i due fratelli Murray dei Christmas Card, e dall’altro il bassista e il tastierista dei Fleet Foxes, ovvero Christian Wargo e Casey Wescott.  I quattro si conoscevano già anni fa, prima che Wargo e Wescott confluissero nell’ormai famosa band di Seattle. Come in tutti i progetti paralleli e (per l’appunto) a distanza, le cose vanno a rilento, ci si manda le tracce e le bozze dei pezzi l’un l’altro certo, ma l’assenza di tempo c’è e si fa sentire. Capita dunque che passino inosservati per un po’ di anni, ma alla fine basta qualche data come band di supporto qua e là e i quattro si fanno conoscere. E’ così quindi che nasce l’Ep Illusion, per la (onnipresente) Sub Pop Records.

Come detto in precedenza, c’è tanta storia dietro l’esordio di questa band.  E qualcuno potrebbe infatti dire che c’è forse più storia e lavoro dietro di quanto ne risulti “davanti”, ovvero nel disco.  In effetti ascoltando i cinque brani che ne fanno parte, si sente con gran invadenza l’influsso di Pecknold & co, sia negli accompagnamenti folk ipnotici come nelle armonizzazioni vocali che producono echi sognanti, velati di una cupa malinconia (Illusion, Widow, Anyplace) che ricorda vagamente brani come Tiger Mountain Peasant Song e The Shrine/An Argument.

I Poor Moon si distaccano però dalla coralità che contraddistingue quest’ultimi, prediligendo un assetto più minimale, dove a stento si sentono più di due voci duettare a tempo, e anche il reparto strumentale viene largamente alleggerito. Un’altra nota di demarcazione riguarda il genere, perché se le radici folk sono ben in vista, è altrettanto rilevante la tendenza blueseggiante del gruppo, che ha nei brani Once Before e (soprattutto) People In Her Mind le sue più alte vette. L’ultimo brano citato è infatti dotato di una personalità e freschezza tali da trattenere anche l’ascoltatore più scettico che probabilmente aveva finora skippato le tracce antecedenti, e fa quindi ben sperare per il futuro della band – che, visto lo hiatus vigente in casa Fleet Foxes, potrebbe essere davvero una bella consolazione, se non qualcosa di più.

Andrea Suverato


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.