[Pop Punk] Paramore – The Final Riot (2008)

 

Born for This –  That’s What You Get – Here We Go Again – Fences – Crushcrushcrush – Let the Flames Begin – When It Rains – My Heart – Decoy – Pressure – For a Pessimist, I’m Pretty Optimistic – We Are Broken – Emergency – Hallelujah – Misery Business

http://www.paramore.net/
http://www.fueledbyramen.com/

Il bello di band come i Paramore è che se metti da parte tutti i pregiudizi (“Eh, ma fanno pop punk, quindi lo fanno per soldi”, “Eh, ma tirano avanti perché la Hayley Williams è una bella bimba”, “Eh, ma se durano due dischi è già da far i salti.. non hai visto che han cancellato parte del tour perché, a momenti, andavano in crisi e facevano saltare il giocattolino?”) ti trovi davanti una band giovane, un po’ inesperta, ma che è riuscita a fare un paio di dischi che sono superiori a molto materiale iperprodotto, in fatto di freschezza e orecchiabilità. Questo “The Final Riot” è un live, registrato nell’agosto 2008 a Chicago, che immortala l’ultima data del tour di supporto al fortunato “Riot”.

Il live non è esente da difetti: uno fra tutti, il fatto che, a causa della già citata inesperienza,  la band non sia proprio perfetta (ci sono dei cali di voce della cantante Hayley Williams, e anche strumentalmente ci sono degli stacchi non proprio precisi) nel riproporre i propri brani. Ma sono molti i punti positivi: primo tra tutti, una resa sonora del disco che, pur non essendo cristallina e iperprodotta, rende bene l’energia della band e del live, mettendo in risalto anche la presenza del pubblico che, al contrario di molti live, è ben udibile anche quando la band suona. Altro punto positivo sono gli apici del live, cioè la canzone “Fences”, con uno dei ritornelli più azzeccati degli ultimi anni, e la riproposizione, quasi scontata, di “Hallelujah” di Leonard Cohen prima del loro (omonimo pezzo). Infine, un certo entusiasmo sano e genuino (in barba alle notizie di scioglimento che giravano tempo fa) che ci fa pensare ad una band di gente che non è ancora pienamente cosciente del successo.

Un cd/dvd live che chiude in bellezza un fortunatissimo anno per i Paramore, come è stato questo 2008. La prova del nove sarà il loro prossimo terzo disco, programmato per l’estate 2009: sarà questo a farci capire se la band potrà puntare alle arene o se dovrà restare confinata a festival itineranti come il Warped Tour. Personalmente ci spero: trovare gente di vent’anni capace di scrivere dei pezzi così freschi non è facile.

Nicola Lucchetta

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.