Music Attitude

[Pop Rock] The Keith Reid Project … (2008)

 

[Pop Rock] The Keith Reid Project – The Common Thread (2008)

In God’s Shadow, You’re The Voice, The Heartbreak House, A Common Thread, Potters Field, Gold Fever, Venus Exploding, The Only Monkey, It Might Be Your Heart, Silver Town, Ninety-Nine Degrees In The Shade, Too Close To Call, Right About Now

http://www.myspace.com/keithreidproject
http://www.rockville-music.com

Certe volte i sogni diventano realtà, e Keith Reid, l’ideatore dei Procol Harum (1967), è riuscito a realizzare il suo mettendo in piedi un progetto che si affida ai protagonisti della storia del rock, sfoggiando un songwriting a dir poco eccezionale e producendo un disco che vanta l’eleganza e il carattere dei più grandi autori della musica contemporanea.

E’ impressionante e allo stesso tempo commovente ascoltare, uno dietro l’altro, artisti del calibro di John Waite (Bad English), Bernie Shanahan (Alice Cooper, Cher e Bolton), Terry Reid (che non ha bisogno di presentazioni), Chris Thompson (Mike Oldfield tra gli altri) e accorgersi che sono tutti legati da un filo conduttore magico che poi non è altri che l’ingegnosa fantasia di Keith Reid, nelle vesti di grande interprete e straordinario compositore.

Esatto, composizioni all’avanguardia e composizioni che restano e resteranno nel tempo, perché pezzi quali In god’s Shadow, You’re The Voice (inedito scritto nel lontano 1986 e qui riproposto nella versione originale) e The Only Monkey hanno tutti i caratteri distintivi del brano di successo a lungo termine, arrangiamenti mai scontati e per certi versi tradotti nell’idioma universale dell’arte.
E’ musica che ha un approccio minimalista, è un’esperienza che rilancia il pop rock in una dimensione che apre all’americana, al blues, al latino, al folk irlandese, adatta ad un parco ascoltatori che si assesta tra gli otto e gli ottant’anni.

Una rarità ascoltare un disco del genere in un’epoca macchiata dai facili modernismi. Molto spesso siamo “attaccati” da una serie di lavori superprodotti ai quali manca l’anima: qui viene prima la composizione, stellare, subito dopo il cast, spaziale, e infine la produzione, anch’essa astrale. Nient’altro da aggiungere se non che si tratta di un disco, se non l’avete capito, da comperare seduta stante.

Gaetano Loffredo

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.