Dredg – Catch Without Arms

Eterei, a tratti mistici, non troviamo altre parole per definire i Dredg. Ogni disco è un nuovo viaggio, un nuovo punto di vista per osservare l’assoluto. Un misto di tecnica, ispirazione, capacità compositive e tanto, tantissimo talento, sono alla base dei nostri, per un sound unico che, a (brevi) tratti è memore della lezione dei Radiohead, degli Earthone 9, dei Tool, degli Smiths, degli U2.
Questo terzo episodio è il disco più squisitamente pop del gruppo americano, privo di quel tocco un po’ folle, sognante e quasi psichedelico dell’ottimo “El Cielo”, predecessore e scomodo punto di riferimento (nonché uno dei migliori dischi dell’ultima dozzina di anni), forse più ‘luminoso’, sicuramente più concreto e ‘delicato’.
Forse la parola giusta per descrive la proposta dei Dredg è ‘poesia’ e questo nuovo lavoro non fa certo eccezione, né sfigura rispetto ai precedenti.

S.D.N.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.