Music Attitude

[Progressive Rock] Tool – 10,000 Days (2006)

Vicarious – Jambi – Wings For Marie (Pt. 1) – 10,000 Days (Wings Pt. 2) – The Pot – Lipan Conjuring – Lost Keys (Blame Hofmann) – Rosetta Stoned – Intension – Right In Two – Viginti Tres

www.toolband.com
www.bmg.com

Comunque li si giudichi, il più grande gruppo rock degli ultimi dieci anni oppure dei gran sopravvalutati, è innegabile rendere merito ai Tool per il recupero di suggestioni psichedeliche e progressive tipiche di qualche decennio fa, inserite però in un contesto moderno e quanto mai attuale, a differenza del citazionismo pedissequo di un gruppo come Mars Volta. Partiti da suggestioni soundgardeniane e inseriti frettolosamente nel calderone grunge, grazie ad un disco oscuro e pessimista come “Undertow”, nel corso della loro carriera hanno saputo progredire album dopo album e porsi prima come una sorta di novelli Van Der Graaf Generator, dai quali hanno mutuato angosce esistenziali e suoni cupi e gotici (cfr. “Aenima”), successivamente quali unici possibili eredi dei King Crimson, accentuando la complessità delle composizioni e la perizia strumentale, e indulgendo ancor di più verso un immaginario malato e scosso da visioni apocalittiche e claustrofobiche (cfr. “Lateralus”, il loro capolavoro). Dopo cinque anni di attesa, e dopo molto tempo dedicato dal leader Maynard Keenan al suo gruppo personale, gli A Perfect Circe, il ritorno dei Tool suona come una battuta d’arresto nella loro evoluzione sonora. La struttura di “10,000 Days” richiama inequivocabilmente quella del predecessore: brani “free – form” che sfociano l’uno nell’altro, lunghe digressioni psichedelico/progressive concluse da momenti catartico/liberatori (cfr. il coro finale di “Vicarious”), jam estese che incorporano elementi percussivi e consuete salmodie vocali (cfr. la title – track), il tandem ritmico Chancellor – Carey che come sempre costituisce il cuore pulsante del loro fluire musicale, sopra il quale s’inseriscono gli spunti solistici della chitarra di Adam Jones, sempre più acidi e sghembi (cfr. il wah – wah di “Jambi”). In sintesi un’opera che sfrutta l’architettura di “Lateralus”, ma con suoni spesso maggiormente vicini a “Aenima”, più metallici e meno levigati (crf. “Rosetta Stoned”). Si potrebbe andare avanti nel sezionare questo disco per molte righe ancora, ma senza eccedere in minuzie è palese notare uno sguardo rivolto quasi interamente al loro passato, una mancanza di elementi inaspettati che rappresenta il maggior limite di “10,000 Days”. Oltre a ciò, tocca rilevare anche un’eccessiva freddezza compositiva e un accentuato grado di supponenza tecnica, che non è più controbilanciato dai meravigliosi climax emotivi presenti nelle loro vecchie opere: o perlomeno, le undici mini – suite che compongono il disco scorrono più uniformi e con meno sussulti rispetto a quanto ci avevano abituati, senza per questo voler ridurre il tutto a mero sfoggio di bravura strumentale. Ormai i Tool hanno un loro stile, un loro lessico musicale ben definito, e sfruttano quello per comporre album più che buoni, a tratti ottimi e memori del loro passato splendore. Ma probabilmente “Aenima” e “Lateralus” rimarranno ineguagliati, in quanto dischi irripetibili, mentre “10,000 Days” può esser replicato più facilmente.

S.M.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.