Roll The Dice – In Dust

Roll The Dice In Dust Recensione

Due svedesi di Stoccolma o giù di lì. Uno,  Peder Mannerfelt, è un ex componente dei Fever Ray. L’altro, Malcolm Pardon, è un produttore di colonne sonore per cinema e televisione.

I giornali, la tv e la stampa dicono che in questi tempi duri va alla grande il vintage. I due scandinavi danno una loro versione dei fatti con un’operazione personale. Vanno in freezer e tirano fuori gli anni ’80. Il reparto è quello del kraut androide, terzo ripiano sulla destra. Iniziano a scongelarlo un po’ nel fornetto microonde di vecchi synth analogici.

Poi chiudono Jean Michael Jarre di “Oxygene” e i Tangerine Dream in una stanzetta polverosa, senza finestre. Non si respira. Ci sbattono dentro John Carpenter che inizia ad interrogarli sotto pressione su incubi, claustrofobia, horror, sci-fi. Cosmico, no? Dall’altra stanza arriva il suono del pianoforte, a volte note buttate come pezzi di shanghai, altre in seriale ripetitività. Dalle fessure arrivano rumori astratti, sperimentazioni elettroniche. Ecco l’evoluzione contemporanea nell’amalgama degli ingredienti e dalle loro derive. In un viaggio dalle trame space.

Luca Freddi

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.