Music Attitude

Swans – To be kind

swans-to-be-kind-recensione

swans-to-be-kind-recensione

Nuovo ritorno degli Swans nonché sedicesimo album in studio per la band statunitense di New York. Gira e soci lo fanno con To be kind, un doppio cd contenente 10 tracce per la durata di ben due ore. Non certo una novità per loro, dediti a lunghe digressioni strumentali, ma che in questo lavoro tocca vette davvero considerevoli.

Il disco rispetta a pieno le norme di casa anche sotto il profilo stilistico: un mix dissonante di post-punk (nei giri del basso di Pravdica), garage e post-rock, contaminato da elementi di industrial. La vocazione rumorista (sia vocale che strumentale) detta la linea nel primo singolo estratto dall’album, A Little God in my hands, in cui il tempo scandito in quattro quarti dalle chitarre vede incursioni sempre più aggressive di synth frammiste alla voce stralunata di Michael Gira e ai controcanti degli altri elementi della band.

Stessa cosa avviene per il secondo brano scelto: Oxygen. Qui sono i giri di basso a prendere la scena sin dall’inizio, intervellati a sferzate distorte date dalle chitarre, il tutto sopra un tempo di batteria incalzante e sempre crescente. Le voci si spezzano di continuo adeguandosi al ritmo infernale e frenetico – uno di quei pezzi per cui il live non solo è raccomandato, ma da prescrivere. Letteralmente.

Degna di nota è la lunga composizione Bring the Sun / Toussaint L’Ouverture che da sola occupa un quarto del disco, e vede la partecipazione della polistrumentista e cantante St. Vincent (come del resto anche in altri brani del disco: Nathalie Neal, Screen Shot e Kirsten Supine).

Ed è più adatto in effetti parlare di composizioni quando si parla di pezzi degli Swans. Perché la loro maniera di trattare la materia musicale è ben più vicina a un John Cage che  a un musicista dei tanti che possiamo comunque trovare come riferimento per i sei newyorkesi. E proprio come il lavoro di Cage, anche quello degli Swans non è per tutti. Il difetto e il pregio al tempo stesso di lavori del genere è che si autoconfinano entro una specifica cerchia di ascolti. L’orecchio dell’ascoltatore deve essere già educato a un certo tipo di suono sperimentale, o quantomeno essere ben disposto nei suoi confronti. Fatto sta che gli Swans hanno un biglietto da visita tale che non necessitano neanche di troppe premesse e formalità per imporsi. Il seguito che hanno saputo costruirsi nel tempo è – se ce ne fosse bisogno – dimostrato da performance come quella avvenuta lo scorso anno al Primavera di Barcellona.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.