The Cult Choice Of Weapon

The Cult Choice Of Weapon Recensione

The Cult Choice Of Weapon Recensione

I The Cult tornano col terzo disco in dieci anni, forti di una ritrovata tranquillità nei rapporti tra le menti Ian Astbury (voce) e Billy Duffy (chitarra). Ormai perennemente on the road, i due si concedono ogni tanto un disco di inediti per dare nuova linfa alla loro musica ed evitare di sopravvivere a colpi di vecchi classici. Come già successo con “Born Into This” (2007), il disco è formalmente perfetto…però…però boh, non ingrana a dovere. I suoni sono ottimi (Bob Rock in regia), i loro classici riffetti ci sono, come pure i rimandi alla cultura pellerossa e alla natura, al misticismo dominante…i loro marchi di fabbrica insomma.

Il guaio è che non c’è niente di davvero magico; è stato fatto già tutto e meglio negli anni ‘80. Il che è un po’ un peccato perché, tra tutte le star degli anni ’80, Ian e Billy sono quelli invecchiati decisamente meglio: fisicamente danno ancora la biada ad un sacco di ragazzini, Ian ha ancora la sua voce inconfondibile e Billy non ha perso il tocco. Senza stare a scomodare il periodo dark e post punk degli esordi, qua si prova a replicare il loro hard rock a là “Love Removal Machine” o “Fire Woman”, oppure le ballad come “Edie (Ciao Baby)” o “Heart Of Soul”, ma senza centrare sempre il bersaglio. Un peccato quindi, perché la sezione ritmica con John Tempesta e Chris Wyse fa il suo dovere alla grande, ci sono momenti esaltanti come “The Wolf” e il suo attacco 100% The Cult, l’hard rock a tinte psichedeliche di “Elemental Light”, il basso sferragliante e le chitarre orientaleggianti di “Amnesia”.

Troppe volte però si ascoltano pezzi ben costruiti ma che non lasciano nulla. In definitiva, oro colato per i fans della band ma non abbastanza convincente per tutti gli altri.

Marco Brambilla


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.