Music Attitude

The Shins Port Of Morrow

The Shins Port of morrow

I The Shins, ovvero il progetto indie-pop che ruota attorno all’agile voce di James Mercer, tornano dopo ben 5 anni di attesa: lo fanno con Port of Morrow, nuovo album di studio rilasciato nei negozi il 20 marzo 2012 per la Aural Apothecary (etichetta di sua proprietà, alla quale è stata affiancata la produzione della Columbia). Il cambio dalla Sub Pop sembra farsi sentire, dato che con questo disco il gruppo si scosta pericolosamente dal filone indie-pop americano di cui faceva parte (e che gli è valso tanti elogi). Se ormai siamo distanti anni luce dalle sonorità naif alla New Slang (e il solo pensiero suscita un po’ di amarcord), è anche vero che la differenza si mantiene cospicua pur raffrontandosi col precedente lavoro, Wincing the Night, una fresca miscela di brani ispirati da un delizioso pop/new wave (come il primo singolo estratto, Australia) che non si faceva fatica a ricollegare a mostri sacri quali Beatles e Smiths.

Storie di gusti e cambi di rotta: il lavoro va quindi inquadrato in un’ottica affine al power pop primi anni ’90. E’ sotto questa luce che si spiega il grande risalto dato alla voce di Mercer, vibrante e mutevole tra ballate ultra-melodiche (40 Mark Strasse, For a Fool) e impastate di un laconico romanticismo (It’s Only Life, September). Le cose che più gettano più ombre sul nuovo lavoro della band, sono non a caso i punti più luminosi del disco: tra tutti il primo singolo estratto, Simple Song, brillante traccia in crescendo tra rapidi giri di chitarra e una voce virtuosa e coinvolgente, alla stregua del più plastico Paul McCartney; a seguire abbiamo No Way Down, che ancora richiama gli Smiths e in alcune sezioni il cantato di Morrissey; e infine Bait and Switch, che fa i conti con le influenze dei Beach Boys.

Il motivo delle ombre sopraccitate è presto detto, questi brani-fantasmi del passato sembrano quasi degli intrusi nel nuovo lavoro, che nella maggior parte dei casi sembra avere abbracciato ben altre tendenze. L’unica certezza al momento è che la ricca stagione di festival (tra gli altri, Reading e Coachella) che attende la band, darà ragione di ciò che di positivo ha quest’album da offrire. Un resoconto che senz’altro Mercer e soci terranno a mente per la successiva (o definitiva) svolta del gruppo.

Andrea Suverato


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.