Travis Barker – Give The Drummer Some

Nessuna drum machine, nemmeno la più spaziale e tecnologica, potrà mai sostituire un vero batterista che suona una vera batteria. Ce lo dimostra il “drummer” più zarro e tatuato del momento, Travis Barker, che dopo la fama conosciuta con i Blink 182 si è dato alla pazza gioia instaurando contatti e collaborando con un numero indicibile di artisti hip-hop, rappers e djs. Con “Give The Drummer Some“, Barker offre un ottimo esempio di come due generi così diversi come l’hip hop/rap e il rock possano incontrarsi, con risultati assolutamente ottimi.

Tralasciando l’esagerata tamarritudine di Lil Wayne e The Game in “Can a Drummer Get Some”, brano d’apertura, troviamo connubi perfetti di rock e hip hop in brani come “Carry It”, in cui la vecchia scuola di RZA e Raekwon incontra la leggenda Tom Morello, che fa saltare i denti con i suoi riff di chitarra; così come “Saturday Night”, brano latineggiante in cui Barker accompagna una delle chitarre più famose del rock, Slash. Unico nell’album è l’intervento di Corey Taylor, cantante degli Slipknot, in “On My Own”, in cui Barker dimostra che la sua vena rock non si ferma al punk dei Blink, anzi. A dir poco magistrale il lavoro dei Cypress Hill, che per un momento eclissano tutto il resto della combriccola con “Beat Goes On”. La new school hip hop è rappresentata da individui come Lupe Fiasco e Kid Cudi, accompagnati da altri interessanti personaggi come il sempreverde Snoop Dogg e l’energumeno Busta Rhymes. La ciliegina sulla torta la mette Steve Aoki, produttore di remix più che azzeccati e avanguardista del punk moderno, in “Misfits”, brano di chiusura del disco.

A questo punto si potrebbe pensare che Barker abbia affidato la buona riuscita del suo primo album solista alla fama e alle capacità dei pezzi grossi che in esso presenziano. Sbagliato. Oltre a essere l’esecutore reale delle basi e dei beats di tutti i brani, Travis Barker si è messo dietro al mixer come produttore, dimostrando capacità che vanno ben oltre alla sua già (largamente) dimostrata destrezza coi tamburi. La scelta dei suoni è sempre e comunque oculata, non ci sono piatti o rullanti fuori posto, tutto suona come deve suonare, tanto che viene da chiedersi se sia realmente opera di un “tocco” umano o piuttosto di una drum machine. Fortunatamente, in questo caso è vera la prima ipotesi.

Con un prodotto così, possiamo anche chiudere un occhio sulla componente zarra che contraddistingue il buon vecchio Travis, con le sue Cadillac e la combinazione occhiali da sole – New Era.

Gregorio Setti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.