Music Attitude

Vinicius Cantuaria & Bill Frisell – Lagrimas Mexicanas

Prosegue il sodalizio fra Bill Frisell e Vinicius Cantuaria, che nel recente passato ha già fruttato gli album “Tucuma” (1999), “Vinicius” (2001) e “Samba Carioca” (2010), tutti a nome del musicista brasiliano, mentre il chitarrista statunitense ha ospitato il suo amico nell’omonimo disco dei suoi Intercontinentals (2003). “Lagrimas Mexicanas”, però, è il primo lavoro in duo, privo dell’ausilio di altri strumentisti. Un’occasione per approfondire le affinità fra i due artisti, un’opera ‘in solitaria’ che fissa alcuni punti chiave della loro musica (tutti i brani presenti sono stati scritti a quattro mani).

Tutto si svolge all’ombra della contaminazione. Ma non aspettatevi il Frisell più sperimentale e innovativo, quello che traffica fra avanguardia jazz e classica contemporanea; per intenderci meglio, un album come “Have A Little Faith” (1992), il quale si permetteva di mischiare Madonna e Charles Ives, Muddy Waters e Aaron Copland, è lontano anni luce. In “Lacrimas Mexicanas” a prevalere è la dimensione folklorica, che si sposa al jazz in un gioco di rimandi fra tex-mex e bossa nova, blues (“Forinfas”, unico brano in inglese) e tropicalismo (l’ombra di Jobim si allunga su canzoni quali “Lagrimas De Amor” e “Aquela Mulher”, entrambe in portoghese), percussioni afroamericane e musica popolare latinoamericana. Ed è Vinicius che detta i tempi del discorso, occupandosi del canto, delle percussioni e della chitarra acustica, mentre Bill con l’elettrica e la manipolazione dei loops crea echi, riverberi e contrappunti strumentali che contribuiscono a rendere interessanti composizioni che, altrimenti, avrebbero potuto soffrire di un certo manierismo. Un esempio può essere l’apripista “Mi Declaracion”, in cui i lievi rumorismi e le pulsazioni funk ideate da Frisell sfregiano impercettibilmente il tessuto sonoro, trasformando un classico andamento latino in qualcosa di ‘altro’ (trattamento molto simile viene riservato a “Lagrimas Mexicanas”); una tecnica che il Nostro aveva già sperimentato nel fondamentale disco di Caetano Veloso “Estrangeiro” (1990), al quale per certi versi questo cd è accostabile, specie nella sua idea di fondo, ossia l’incontro fra le due Americhe, quella latina e quella anglosassone.

Non si tratta certo di un’opera epocale, “Lacrimas Mexicanas” contiene ‘soltanto’ 41 minuti di ottima musica, rilassata e rilassante, non priva però di lirismo e sentita malinconia. Ed è un’occasione per apprezzare uno dei più grandi chitarristi jazz contemporanei duettare con uno dei migliori talenti brasiliani. Non è affatto poco.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.