Music Attitude

Yes – Fly From Here

Yes-Fly-From-Here-2011

Il ritorno degli Yes? Senza il cantante Jon Anderson? Difficile da digerire: il sostituto Benoit David è competente ma rimane un clone da cover band. Questo disco è stato architettato dal chitarrista Steve Howe, in combutta con lo storico produttore Trevor Horn (quello dei Buggles e Frankie Goes To Hollywood, già collaboratore degli Yes nei primi ’80). La produzione di Horn spinge ovviamente il sound sul materiale più commerciale dei primi ’80, anche se strizza l’occhio al periodo più progressive con la lunga suite che dà il titolo al disco.
Suoni quindi solari e corposi, con voce e tastiere in evidenza. Anche se la chitarra di Howe non è certo al primo posto nel mix, rimane la protagonista: nonostante la veneranda età, ancora cerca di mettersi in gioco con gusto e classe (soprattutto con passaggi di chitarra classica). L’album è formalmente fatto bene ma ha davvero ben poco mordente: manca l’atmosfera dei tempi d’oro e la componente più pop è abbastanza ripetitiva. Una sorta di illusione ben confezionata per avere qualcosa degli Yes, ma non è il ‘real deal’.

Marco Brambilla

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.