Anastacia – Resurrection

anastacia-resurrection-recensione

anastacia-resurrection-recensione

Mi è stato chiesto di fare il nuovo di Anastacia, e tirando su Spotify mi sono accorto che dopo il buon “Heavy Rotation” (2008) la bionda aveva pubblicato anche un disco di cover rock. Un raccoltone da Autogrill con una playlist uscita dalla media più media di Virgin Radio, eppure in fondo più divertente dell’ultimo, melenso, “Resurrection”. Amore incondizionato per la tenace Anastacia, come persona, vincitrice di tante terribili battaglie, ma l’ultimo disco è proprio proprio una palla. Una spruzzata di elettronica poco ispirata e poi tanti vocalizzi e strillate alla Pausini. Non è sexy, non è sinuoso, mancano i pezzacci. La sua voce non accenna a calare però, e questa è la notizia più bella.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.