Music Attitude

Biohazard Reborn In Defiance

biohazard-reborn-in-defiance

Era molto atteso il ritorno dei Biohazard. “Reborn In Defiance” riporta Bobby Hambel in line-up ma è anche l’album di addio (momentaneo? permanente?) di Seinfeld, che ha lasciato la band poco dopo il termine delle registrazioni. Detto questo il disco è quanto ci si potrebbe aspettare dai Biohazard, ovvero attitudine, impatto, velocità, chorus da gang e via dicendo. Il problema è che alla lunga i brani che rimangono davvero impressi sono pochi. Certo, la band di Graziadei ha già scritto la storia a suo tempo, ma i momenti più interessanti alla fine sono quelli più cadenzati e lontani dalla velocità forsennata di “Vengeance Is Mine” e “Reborn“: “Vows Of Redemption” è pesantissima nel suo incedere crossoveriano e “You Were Wrong” è quasi intimista (per quanto possa esserlo un disco hardcore), mentre “Skullcrusher” è probabilmente quella col groove migliore (benchè sia nella parte finale di setlist). Un lavoro sufficiente ma che aggiunge (e toglie) pochissimo a quanto già detto da una band leggendaria.


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.