Brutal Truth End Time

I Brutal Truth non sono esattamente la band più accessibile del mondo. “End Time” è il disco che più si avvicina a “Need To Control” (1994) come idea di massima, parecchio grind, noise e macello di base per un assalto che però non coglie nel segno a lungo andare. Intendiamoci piacerà a chi li conosce ma difficilmente avvicinerà nuovi adepti a Lilker e compagni. Forse il pezzo più interessante, proprio perchè slegato da qualsiasi logica umana è la conclusiva “Control Room“, un quarto d’ora di casino senza capo e coda. Le sfuriate alla “All Work And No Play” o “Simple Math” le abbiamo già sentite anni addietro migliori e con altri titoli, ora francamente sono superflue nonostante siano proposte da chi ha forgiato determinati modi di comporre e suonare.
Lavoro di maniera senza alcuno spunto, era probabilmente sbagliato pretenderne da una band che ha il fattore storia dietro di sè e ha presumibilmente già detto tutto ciò che doveva (ri)dire dopo l’ottimo comeback “Evolution Through Revolution“…

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.