Cavalera Conspiracy – Blunt Force Trauma

cavalera conspiracy blunt force trauma recensione
Non mi sono mai strappato i (pochi) capelli per il fenomeno Cavalera Conspiracy già dai tempi di Inflikted, debutto uscito tre anni fa: siamo di fronte ad una band onesta, con brani confezionati ad hoc per il target medio e niente più.

Blunt Force Trauma non si discosta di molto da quelle direttive già tracciate: le canzoni sono costruite attorno alle parti più hardcore dei Soulfly, con tanto di eccellente lavoro alla chitarra di Marc Rizzo, e una batteria triggerata che non è capace di emergere, penalizzata da suoni non all’altezza. I brani annoiano già da subito, grazie anche alla natura non proprio “originale” degli stessi; anche la collaborazione con Roger Miret (Agnostic Front) su Lynch Mob parte bene ma è sfruttata male. Tasselli che, uniti uno ad uno, confermano il fatto che il progetto, tolto l’effetto sorpresa della mezza reunion, non ha più senso.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.