Music Attitude

Destrophy Cry Havoc

Pensavamo avessero molta più voglia di pestare, benchè qualche deriva pericolosa (ammettiamolo due anni dopo) poteva esserci anche nel buonissimo omonimo di qualche tempo fa. A posteriori purtroppo i Destrophy di “Cry Havoc” hanno ceduto alle lusinghe dell’airplay e sentirli su “We Are Alive” e “Closer” fa effettivamente sorridere. Non che la scelta di puntare su rock melodico e molto più diretto sia sbagliata, ma ripensarli alle prese con “Reconnect” e “Monarch” mette tristezza. Da un punto di vista più oggettivo i nuovi brani non sono belli, quelli vecchi lo erano e conferivano alla band di Ari Mihalopoulos una personalità decisa. Appiattirsi e omologarsi è la scelta peggiore, specialmente in un mercato saturo di uscite come quello odierno. Passo falso, peccato.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.