Glasvegas Later… When the TV Turns to Static

glasvegas-later-when-tv-turns-to-static

Di esordi portentosi, rei di aver dato vita a promesse non mantenibili, ne abbiamo visti fin troppi. Soprattutto negli ultimi dieci anni. Ma il ricordo dell’omonimo album dei Glasvegas è uno dei più dolorosi. Sì, perché è vero che quel disco del 2008 aveva accelerato più di un battito cardiaco, ma questo terzo album, “Later… When the Tv Turns To Static“, arriva a confermare ciò che il precedente “Euphoric Heartbreak” aveva fatto temere. Forse i Glasvegas non saranno mai ciò che abbiamo sperato.

I suoni sono più puliti e maturi, ma l’epico romanticismo che li ha resi celebri ha perso aderenza e tra i dieci brani gli unici a tirar fuori qualcosa di davvero lodevole sono “If” e “Finished Sympathy”, in cui torna a luccicare il songwriting di James Allan (qui nuovamente in veste di produttore, dopo l’esperienza con Flood). Per il resto nessun reale fallimento, solo altra mediocrità e una minacciosa spada di Damocle sulla carriera dei quattro scozzesi.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.