Music Attitude

Living Dead Lights Black Letters

living-dead-lights-black-letters-recensione

living-dead-lights-black-letters-recensione

I Living Dead Lights sono una band simpatica. Non hanno certo nella puntualità il loro elemento di forza (“Black Letters” è stata un’uscita a lungo attesa), tuttavia questo elemento è totalmente trascurabile quando il loro disco parte in quarta. Sanno suonare, sanno perfettamente come risultare gradevoli a una fetta di ascoltatori di hard rock generico, soprattutto sanno come impostare una tracklist, che viaggia a nastro inserendo pochi momenti lenti (e abbastanza trascurabili) dove non fa male (cfr. Amerikan Eyes). Grande impatto moderno con coordinate totalmente vintage modulate dalle lezioni date a suo tempo dai Guns N’ Roses ma anche da Buckcherry e Papa Roach meno nu-metal oriented. Impossibile non spaccare tutto su opener, Everybody, Follow e Hey Stranger. Non solo legnate cieche, ma buone intuizioni elettroniche su Vacant e un’atmosfera stradaiola che rimane credibile anche nel 2014. Buonissimo prospetto.

Mathias Marchioni


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.