Otep Atavist

Otep Shamaya non è esattamente una ragazza tranquilla. Ci va giù come sempre pesante anche in “Atavist“, quinto disco per i suoi Otep, a conferma che lei nel filone nu-metal ci crede ancora come se fossimo nel 2000. Alla fine si tratta di coerenza e va rispettata, che poi la produzione e i pezzi non siano esattamente ispiratissimi è un altro dato di fatto da cui non si scappa. Certo non mi permetterei mai di dirlo in faccia alla singer visto che potrebbe mangiarmi, ma la furia di “Sevas Tra” era primordiale e genuina, qua la sensazione di compitino (ben fatto sia chiaro) è latente sin dall’opener e anche in Drunk On The Blood Of Saints con lo sferragliante basso di Tony Campos. Solo per chi cerca ancora crossover fracassone e no-compromise.

 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.